"Volunia", la sfida italiana a Google

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 16 NOVEMBRE 2011 - Sono ancora pochi i dettagli che si conoscono, eppure si è gi&ag...

CAGLIARI, 16 NOVEMBRE 2011 - Sono ancora pochi i dettagli che si conoscono, eppure si è già meritato il titolo di “Google del futuro”. Ideatore del progetto chiamato “Volunia”, è Massimo Marchiori, un padovano a cui si deve il merito di aver ideato l’algoritmo che sta alla base di Google.

Il progetto Volunia rischia di fare una serrata concorrenza a Google, da cui si discosta in quanto - spiega Marchiore - “Non è come un Google migliorato del 10 per cento: vi dà una nuova prospettiva, una prospettiva totalmente diversa da quella che i motori di ricerca normali vi hanno finora dato”. Un progetto dunque innovativo per Marchiore che già da tempo ha dato inizio alla sua ascesa come protagonista nel mondo delle nuove tecnologie. Volunia è stato presentato in un video diffuso in rete in cui l’ideatore padovano non ha rivelato granché, ciò che si sa è che per la sua realizzazione sono occorsi tre anni di lavoro e che, stando alle indiscrezioni il suo lancio dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno in dodici lingue.

In rete intanto lo spot dell’innovativo motore di ricerca made in Italy, accompagnato dallo slogan “A different web experience” (una diversa esperienza del web) , è già un cliccatissimo.

Il progetto “Volunia” sembra dunque avere tutti i numeri per consentire a Marchiori di ottenere l’ennesimo successo, dopo il lungo elenco di riconoscimenti di cui è stato insignito negli ultimi anni, tra gli ultimi nel 2004 ha vinto il premio della Technology Review, assegnato ai cento giovani ricercatori più innovatori al mondo.
 

Sara Marci

InfoOggi.it Il diritto di sapere