Amministrative in Sardegna, nuovi sindaci in 18 comuni. L'8 giugno ballottaggio ad Alghero

336
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 27 MAGGIO 2014 – Domenica 25 maggio in Sardegna si è votato anche per elegger...

CAGLIARI, 27 MAGGIO 2014 – Domenica 25 maggio in Sardegna si è votato anche per eleggere sindaci e consigli comunali in diciotto centri abitati. A Sassari si profila una vittoria al primo turno per Nicola Sanna, alla guida di una coalizione di centrosinistra: con 48 sezioni scrutinate su 137, Sanna si attesta sul 65,47%, una distanza abissale da Rosanna Arru del centrodestra (13,31%) e Maurilio Murru del Movimento 5 Stelle (11,40%).

Ad Alghero (Sassari) si andrà invece al ballottaggio il prossimo 8 giugno, quando Mario Bruno (candidato di Sinistra Civica; Per Alghero con Mario Bruno; Upc; Udc), che ha ottenuto il 33,72% dei voti (8.015 preferenze), sfiderà Maria Grazia Salaris (Forza Italia, Fratelli d'Italia, Ncd e Psd'Az), che ha avuto 7.126 voti, ovvero il 29,64%. A Castelsardo (Sassari) è stato eletto con il 63,10% Franco Cuccureddu dei Riformatori; l’ex consigliere regionale era già stato sindaco per due mandati dal 2000 al 2010 e torna adesso in carica dopo aver sconfitto la concorrenza di Matteo Santoni (Castelsardo 3.0), fermo al 36,8%. A Sorso (Sassari) viene confermato il sindaco uscente Giuseppe Morghen (Forza Italia), che ottiene il doppio delle preferenze rispetto a Mino Roggio, anch’egli del centrodestra. Guiderà il comune di Illorai (SS) l’unica candidata in corsa, l’insegnante Gianna Pittalis.

In Ogliastra si è votato sia a Villagrande Strisaili, dove ha vinto Giuseppe Boi, sia nel capoluogo Tortolì, dove Massimo Cannas si è imposto con il 30,6% (1.978 voti). Al nuovo primo cittadino, appoggiato dalla lista civica "Obiettivo 1", con forze di centrodestra e indipendenti del centrosinistra, è bastata una manciata di voti per avere la meglio su Fabrizio Selenu (30,1%, ovvero 1.947 preferenze) del Pd.

A Golfo Aranci, in Gallura, è stato riconfermato Giuseppe Fasolino (1.201 voti) di Forza Italia; notevole il distacco dall’altro contendente, Giorgio Muntoni, che si è bloccato a 243 preferenze. Anche a Onanì, in provincia di Nuoro, gli elettori hanno voluto confermare il sindaco uscente Clara Michelangeli.

In provincia di Oristano si è votato a Bosa, Sorradile e Genoni. Nella ridente cittadina situata alla foce del fiume Temo, ha trionfato il candidato del centrosinistra Luigi Mastino, fratello del Rettore dell’Università di Sassari. A Genoni è stato rieletto Giovanni Soddu, ormai al suo terzo mandato; anche a Sorradile i votanti hanno voluto riconfermare Pietro Arca, con il 64,8% (205 voti). Arca ha avuto la meglio su Giovanni Michele Zucca, che si è fermato al 35% (111 preferenze). Rimarrà invece il commissario prefettizio a Tadasuni (OR), dove non è stata presentata alcuna lista.

Nel Medio Campidano sono stati rinnovati i consigli comunali di San Gavino Monreale e Serrenti. Nel primo centro ha trionfato Carlo Tomasi, considerato l’esponente “ribelle” del Partito Democratico e che ha avuto ragione sul candidato ufficiale, Sandro Atzori. Il partito di Renzi porta a casa anche il comune di Serrenti, che verrà governato da Mauro Tiddia.

Calasetta è l’unico centro del Sulcis Iglesiente coinvolto nelle elezioni amministrative; gli abitanti del paese costiero hanno scelto, con 1.216 voti, di essere guidati ancora dal sindaco uscente Antonio Vigo; sono solo 659 le preferenze per lo sfidante, Luca Boy.

A Pula (Cagliari) è stata eletta sindaco Carla Medau, della coalizione di centrosinistra; dopo aver sconfitto la concorrenza di Barbara Boi (25,4%) e Francesca Toccori (24,3), Medau subentrerà a Walter Cabasino, primo cittadino uscente dopo due mandati. A Villasimius (CA) è passato al primo turno Gianluca Dessì, che ha fatto registrare un ottimo 55,5%, pari a 1.321 preferenze. Infine a Guasila (CA) è stata scelta Paola Garau, che ha preso il largo col 46,7%.

(Foto da: politica.nanopress.it)

Vanna Chessa

InfoOggi.it Il diritto di sapere