Anno Santo, il Comune di Roma realizza una "viabilità della fede" per i pellegrini

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
13 APRILE 2015 Da dicembre in poi si prevede che venticinque milioni di pellegrini giungeranno ...

13 APRILE 2015 Da dicembre in poi si prevede che venticinque milioni di pellegrini giungeranno a Roma per il Giubileo, l'Anno Santo straordinario proclamato di recente dal Papa Francesco.

La figura del pellegrino è da sempre legata al camminare, basti pensare al percorso della via Francigena che si può percorrere senza l’ausilio di “protesi tecnologiche”, a piedi, da Canterbury in Gran Bretagna sino alla Capitale d’Italia e della cristianità.

Gli assessorati romani dei Lavori Pubblici, dell’Urbanistica e della Mobilità si stanno muovendo proprio in questi giorni per mettere in sicurezza alcune trafficate strade romane, nel non facile intento di consentire a viabilità e pellegrini di convivere al meglio.

Sono stati evidenziati otto itinerari che consentiranno di raggiungere senza l’uso di auto o mezzi pubblici ( che saranno presumibilmente “intasati”) le basiliche e gli altri luoghi di culto e arte.

Sessantacinque chilometri di percorsi a piedi tra le bellezze e i luoghi di fede della Capitale. Percorsi pedonali, semipedonali e ciclabili, rotatorie delle trafficate strade semiperiferiche da rendere“a misura di piede e pedale.

Una vera e propria rete protetta, che in parte sfrutterà percorsi già esistenti rimodellati e riorganizzati e in parte potrà avvalersi di nuovi tratti.

Perché giungere e godersi Roma da pellegrino viandante ha sicuramente fascino e vantaggi da vendere, rispetto al farlo avvalendosi del raccordo anulare o della linea B della metro.

Raffaele Basile 

InfoOggi.it Il diritto di sapere