• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Arbitri aggrediti dai giocatori: i presidenti finiscono al daspo

Puglia

LECCE, 03 DICEMBRE 2014 - Il giudice sportivo ha disposto il daspo per i presidenti del Cavallino e del Trepuzzi: le due squadre pugliesi, in due partite diverse, avevano inveito contro i due arbitri (minorenni) che avevano giudicato quelle gare. Nel primo caso, il presidente aveva rincarato la dose, giustificando pubblicamente l'aggressione da parte del proprio giocatore; nel secondo caso, invece, era stato proprio il presidente della squadra ad aggredire l'arbitro.[MORE]

Nel caso del Cavallino, l'arbitro minorenne era stato aggredito da un giocatore e un tifoso. I segni lo avevano costretto in ospedale per 21 giorni. Su disposizioni del giudice sportivo, il presidente del Cavallino non potrà più frequentare gli impianti sportivi per cinque anni per le sue dichiarazioni.

Stessa punizione è stata deliberata anche per il giocatore e il tifoso che, in quell'occasione (era il 27 Ottobre scorso), compirono effettivamente il gesto di violenza in campo.

Nel secondo caso, quello del Trepuzzi, gli anni di condanna al daspo da parte del giudice sportivo sono stati "solo" tre: l'arbitro riportò in quell'occasione solo ferite superficiali per l'aggressione del presidente della squadra e la partita venne sospesa per consentire ulteriori accertamenti.

(Foto ilgiornaledigitale.it)

Annarita Faggioni