• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Automazione dei processi produttivi

Lazio

ROMA, 22 GENNAIO 2013 – Qualsiasi azienda, amministrazione pubblica o ente commerciale segue dei protocolli per gestire processi produttivi e/o amministrativi, il più delle volte basati sul trasferimento di informazioni e di documenti. Questi iter possono essere definiti come flussi di lavoro che necessitano di un’opportuna e corretta gestione della conoscenza da parte dei dipendenti e degli utenti finali. [MORE]

Nel management tipico delle entità informative e delle competenze pratiche delle persone coinvolte nei processi produttivi, molto tempo spesso viene speso inutilmente in ambiti che non portano alcun risultato tangibile. Da una parte si deve curare il passaggio del lavoro o dei documenti, perdendo tempo e risorse nel cercare di capire il da farsi e le capacità di ciascun dipendente. Dall’altra parte molte delle attività svolte sono ripetitive e gestibili meccanicamente da applicazioni software, come un sistema di workflow management system (WFMS), che si propone di automatizzare queste fasi dispendiose e non redditizie dei flussi di lavoro con l’aiuto delle moderne tecnologie informatiche. Ogni lavoratore all’interno di un WFMS sa che, quando gli viene sottoposto un incarico, avrà a disposizione tutte le informazioni e gli strumenti necessari per il compimento della sua attività, garantendo un guadagno per l’amministrazione o l’ente in termini di efficacia ed efficienza dei processi produttivi.

L’automazione del lavoro assicura una maggiore qualità del servizio, dovuta ai minori errori nelle attività svolte normalmente, semplificandone anche la pianificazione e il monitoraggio, nell’attuazione dei vari step identificati. Il modello organizzativo in questione definisce le relazioni e l’organizzazione gerarchica interna in cui sono suddivisi i partecipanti e le loro possibilità di interazione e collaborazione interna nell’espletamento delle loro funzioni aziendali e amministrative.

La applicazioni utilizzate in tal senso possono essere generici strumenti di sviluppo, software esclusivi o procedure implementate all’interno del management system per una specifica azienda. Gli elementi rilevanti del workflow definiscono i dati creati e manipolati dal processo durante l’esecuzione delle operazioni di routine, che saranno messi a disposizione delle attività stesse, permettendo uno svolgimento in parallelo di più servizi e contribuendo alla corretta gestione dei flussi produttivi, aumentando la qualità degli stessi servizi.


Rosangela Muscetta [http://www.economia-conoscenza-itc-km.blogspot.it/]