Bce all'Italia, conti a rischio senza rispetto del Patto di stabilità

13
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 11 DICEMBRE 2014 – All’indomani dell’avvertimento lanciato dal Presidente de...

ROMA, 11 DICEMBRE 2014 – All’indomani dell’avvertimento lanciato dal Presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker a Italia e Francia, ovvero, se non si procederà con le riforme annunciate sarà inevitabile «un inasprimento della procedura sul deficit», arriva un nuovo monito per il Belpaese dal bollettino di dicembre della Bce divulgato stamane.

«È importante - si legge nel rapporto - assicurare il pieno rispetto dei requisiti del Patto di stabilità e crescita e della regola del debito per non mettere a repentaglio la sostenibilità delle finanze pubbliche e preservare la fiducia dei mercati».
Ma, i recenti dati dell’Istat sulla produzione industriale, rilevano la fragilità delle prospettive di crescita nazionale.

L'istituto di Francoforte invita poi i governi dell'Eurozona ad attuare con risolutezza - poiché «di importanza cruciale» per la ripresa - le «riforme dei mercati dei beni e servizi e del lavoro», con un’attenzione particolare per gli «interventi volti a migliorare il contesto in cui operano le imprese».

«Tutti i paesi - conclude la Bce - dovrebbero sfruttare il margine disponibile per conseguire una composizione delle politiche di bilancio più favorevole alla crescita. Il Piano di investimenti per l’Europa annunciato dalla Commissione europea lo scorso 26 novembre sosterrà altresì la ripresa».

Domenico Carelli

(Foto: trend-online.com)

InfoOggi.it Il diritto di sapere