Calcio. Catanzaro-Siracusa 3-1 le dichiarazioni dei mister Auteri e Raciti (Video)

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO, 23 DICEMBRE - Decimo risultato utile consecutivo per il Catanzaro che liquida il Siracusa...

CATANZARO, 23 DICEMBRE - Decimo risultato utile consecutivo per il Catanzaro che liquida il Siracusa con un perentorio 3-1. 

Il tecnico del Catanzaro, Gaetano Auteri, analizza la partita: Abbiamo fatto bene e stiamo crescendo. Abbiamo messo tante cose positive nella partita anche se poi manchiamo nella lettura e non siamo riusciti a chiudere definitivamente la partita. I ragazzi devono capire che le partite vanno lette. Non so se è stata la nostra migliore partita. I miei calciatori stanno crescendo individualmente, ma a volte siamo stati frenetici e altre volte poco altruisti, negli ultimi venti minuti, poi, siamo stati poco pratici, ma comunque abbiamo fatto tante cose positive. Abbiamo questa faccia e le prossime due partite le affronteremo come sempre, anche se cambia il valore degli avversari ma non rinunceremo al nostro gioco, dobbiamo soltanto essere più pratici, attenti e concentrati, ma sono alcune partite che ti fanno perdere un po’ di attenzione. Possiamo crescere ancora questo sia sul piano individuale che collettivo. Siamo competitivi, poi non so che faremo. Ci mancano un po’ di punti perché qualcuno ce lì ha sottratti. Anche stasera quattro ammonizioni e questo mi fa arrabbiare. Abbiamo picchiato per avere quattro ammoniti?”.

Ezio Raciti,allenatore del Siracusa, ha commentato in maniera lapidaria gli esiti della gara: “Il Catanzaro ha iniziato forte mentre noi abbiamo sofferto sugli esterni e siamo andati in difficoltà anche in mezzo al campo. Quando avevano abbassato l’intensità abbiamo preso gol e poi abbiamo fatto fatica. Fin quando non ci sarà la partita che ci darà la carica giusta soffriremo. Dobbiamo lavorare prima sulla testa”.


Carlo Talarico

Catanzaro - Siracusa 3-1, 18^Giornata Girone C

 





Visualizza la fotogallery

InfoOggi.it Il diritto di sapere