Da Brindisi alla Bit, con i progetti locali del "Touring Club Italiano"

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BRINDISI, 13 FEBBRAIO 2014 - È Expo 2015 il punto di riferimento dell'edizione 2014 della Bor...

BRINDISI, 13 FEBBRAIO 2014 - È Expo 2015 il punto di riferimento dell'edizione 2014 della Borsa internazionale del turismo, aperta agli operatori di settore sino al 15 febbraio e al pubblico esclusivamente sabato prossimo. Il Touring Club Italiano vi partecipa con un proprio stand, strategicamente sistemato nella sezione Italy, padiglione 3. Uno spazio e punto d'incontro dove i soci possono trovare tutte le novità del mondo associativo e della produzione editoriale firmata Touring, senza trascurare i progetti come le Bandiere arancioni, i Club di Territorio e i luoghi “Aperti per Voi”.

Nello stand è anche allestito uno spazio interattivo in cui scaricare tramite QR le famose app Tci (Touring, Touring in viaggio, Borghi accoglienti) e il catalogo digitale Touring Editore. Altro importante e attesto evento alla Bit 2014 è la presentazione del nuovo portale Tci www.touringclub.it, uno strumento interattivo per accompagnare i viaggiatori, italiani e stranieri, alla scoperta dell’Italia. In fiera sarà promosso anche il calendario di eventi, appuntamenti e attività per celebrare i 120 anni dalla fondazione del Touring Club Italiano, del suo impegno in difesa dell’ambiente, per la valorizzazione e fruizione del patrimonio artistico e culturale, per la promozione turistica del Belpaese.

Brindisi e la sua provincia sono certamente ben rappresentati: spazio quindi alla promozione del Castello Imperiali di Francavilla Fontana, che ospita il punto d’incontro del Club di Territorio; ai Comuni di Cisternino e Oria, dove sventola la Bandiera arancione; al Comune di Ostuni, certificato da Legambiente e Touring con le Cinque vele. E poi le visite guidate con i consoli Tci, Giuseppe Genghi, Giovanni Colonna e Stefano Cavallo, anche in occasioni particolari come i riti della Settimana Santa a Francavilla Fontana, la Scamiciata di Fasano, il cartellone di eventi estivi e i laboratori del gusto a Ostuni, il Corteo storico e Torneo dei Rioni a Oria, la fiera di Santa Lucia a Erchie, l’expolibri a Torre Santa Susanna, la sagra del fico mandorlato di San Michele Salentino, gli eventi legati alla tradizione enogastronomica di Ceglie Messapica, gli appuntamenti con la vendemmia nelle campagne di Cellino San Marco, Sandonaci, San Pietro Vernotico. Inoltre il Touring rivolge un invito speciale al viaggio lungo i percorsi dei “Castelli del Brindisino” e quelli del “Litorale Adriatico”, ripresi dalla mitica Guida Rossa del Touring che quest’anno compie 100 anni, e che ora intercettano anche il tracciato della Via Francigena del Sud elaborato dal Centro studi del Touring e approvato dalla Giunta Regionale nell’estate scorsa. Brindisi è al centro di questi itinerari sulle rotte della via Appia e della via Traiana coniugando arte, storia, architettura, paesaggio, natura, biodiversità, ed enogastronomia.

Un percorso che attraversa la natura incontaminata di aree come la riserva naturale marina e terrestre di Torre Guaceto lungo il litorale di Carovigno e San Vito dei Normanni, il parco delle Dune Costiere tra Ostuni e Fasano, e che approva nel capoluogo con le Saline di Punta della Contessa e il Bosco di Cerano, con la campagna trapuntata di trulli, cantine, frantoi e masserie, le produzioni artigianali e gastronomiche locali. Un territorio che vanta anche una diffusa e peculiare rete di castelli e torri costiere. “Una Bit, quella del 2014, profondamente rinnovata che punta a dare un segno positivo tangibile agli operatori del settore – dichiarano i consoli Giuseppe Genghi e Giovanni Colonna – e che si concentra in prima battuta sull'ormai prossimo appuntamento di Expo 2015 che si svolgerà, tra l'altro, a poca distanza dai padiglioni fieristici di Rho-Pero. Il Touring Club Italiano ha tanto da raccontare all’Italia e al mondo, partendo anche da Brindisi e dalla sua provincia, per continuare a far viaggiare, visitare e leggere tante generazioni, attraverso la scoperta di luoghi e la conoscenza di un immenso patrimonio culturale fuori dai grandi flussi turistici. In quel Salento che con Lecce e Brindisi è candidato a Capitale della Cultura 2019”. 

Notizia segnalata da Club di territorio Brindisi

InfoOggi.it Il diritto di sapere