Fca: oggi cda del gruppo per decidere successore di Marchionne

334
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 21 LUGLIO 2018 – Giorni caldi per le nomine italiane, dopo quelle Rai, Copasir e Cdp, sono...

TORINO, 21 LUGLIO 2018 – Giorni caldi per le nomine italiane, dopo quelle Rai, Copasir e Cdp, sono stati convocati i Cda di Fca, Ferrari e Cnh Industrial. Secondo alcune indiscrezioni riportate dai siti Automotive News e Bloomberg all’ordine del giorno ci sarebbe anche il nodo sulla successione dell'amministratore delegato Sergio Marchionne, visto il prolungarsi della degenza per un intervento chirurgico subito a giugno. Fonti del gruppo interpellate direttamente sulla faccenda rispondono: "nessun commento".

Marchionne ha 66 anni e aveva detto di volersi ritirare nel 2019. Oggi è amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles N.V., FCA Italy e Presidente e amministratore delegato di FCA US; è anche Presidente di CNH Industrial N.V. e Ferrari N.V., oltre che Presidente e amministratore delegato di Ferrari S.p.A.. È inoltre vicepresidente di Exor S.p.A. e membro permanente della Fondazione Giovanni Agnelli. L’ad oltre dieci anni fa ha portato avanti il profondo rinnovamento di Fiat e si è poi occupato dell’acquisizione di Fiat Chrysler Automobiles.

Per la sua successione, Fca ha sempre sostenuto che si sarebbe trattato di una scelta interna e i nomi in ballo sono quattro: Alfredo Altavilla, responsabile Emea del gruppo, Richard Palmer, direttore finanziario, Mike Manley, responsabile del marchio Jeep e Pietro Gorlier, ad di Magneti Marelli. Negli ultimi giorni è stato ipotizzato l'arrivo di Vittorio Colao, per dieci anni alla guida di Vodafone.

La rivista di motori Automotive News indica in Louis Carey Camilleri, membro del board Ferrari ed ex presidente della Philip Morris International Inc., il successore di Marchionne nella carica di amministratore delegato della casa di Maranello e John Elkann come presidente. Inoltre, Fiat Chrysler e Ferrari condividono un azionista di controllo: Exor NV, la holding di John Elkann, che controlla anche CNH Industrial NV, produttore di camion e trattori di cui Sergio Marchionne è presidente.

In chiusura di seduta venerdì sono rimaste in rosso Fiat Chrysler Automobiles a -2,31% e Ferrari a -2,40% in linea con il settore auto in Europa in calo al -2,05%.

Fonte immagine InvestireOggi

Claudia Cavaliere

InfoOggi.it Il diritto di sapere