• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Festival di Sanremo: ecco cosa farebbe cantare la Littizzetto ai politici italiani

Campania

NAPOLI, 4 GENNAIO 2013 - Il Festival di Sanremo si avvicina e quest’ anno, più che mai, è partito già bello carico di polemiche.

Complice di tali rumor Luciana Littizzetto che con la sua irriverente satira ha già iniziato a mettere a rischio l’inviolabile par condicio.

Ma la comicità della cabarettista piemontese ha preso il sopravvento ed in una recente intervista, per sdrammatizzare sul polverone alzatosi nelle ultime settimane che definisce “francamente un po’ eccessivo”, ha stilato una lista, pubblicata sul settimanale Oggi, delle canzoni italiane che farebbe cantare ai nostri politici.[MORE]

A Mario Monti spetterebbe senza alcun dubbio la canzone di Daniele Silvestri Salirò, a Maroni invece Montagne Verdi di Marcella Bella, a Bersani, Guantanamera, cantata rigorosamente col sigaro cubano in bocca, per Grillo, inoltre, sarebbe perfetto un coro da stadio tipo “la senti questa voce” e infine per Silvio Berlusconi l’intramontabile brano di Gigliola Cinquetti, che intona: "E qui comando io e questa é casa mia, ogni dì voglio sapere chi viene e chi va".

La “Lucianina” nazionale, così soprannominata dal suo collega Fabio Fazio, col quale condividerà il palco dell’Ariston, riguardo alla sua prossima partecipazione sanremese ha dichiarato di non essersi mai sentita imbavagliata e che la cosa non cambierà durante il Festival di quest’anno.

Ha aggiunto inoltre, con tono meno spazientito che al Festival di Sanremo farà sicuramente i conti con la par condicio, e che le battute scomode fatte alla trasmissione Che tempo che fa sono state ingiustamente associate a Berlusconi, quando in realtà, la comica, parlava dei politici in generale.

Ma tra una verità e un’altra, lo spazio per l’humor la Littizzetto lo trova sempre, infatti, ha concluso l’intervista chiedendo consiglio su un argomento “light” da trattare a Sanremo, così da evitare di ricadere nel baratro delle polemiche: <<Se qualcuno avesse degli argomenti da propormi … no, perché la politica no, le canzoni no, cose di chiesa non é il luogo, il sesso a Sanremo fa brutto. Non so, faccio dei corsi di bricolage? Di cucina ligure? Volete mandarmi la ricetta del coniglio alle olive? >>.

Marcella Cerciello [ www.cinemarcy.blogspot.com ]