Fiom, Landini: "proporremo referendum su Jobs Act". Sabato in piazza anche contro il terrorismo

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
GENOVA, 18 NOVEMBRE 2015 - Il leader Fiom, Maurizio Landini, presente alla Camera del Lavoro pe...

GENOVA, 18 NOVEMBRE 2015 - Il leader Fiom, Maurizio Landini, presente alla Camera del Lavoro per il direttivo metalmeccanici genovesi ha affrontato il tema Jobs Act collegandolo alla proposta di un referendum abrogativo, nonché discusso della manifestazione di sabato. Incontro di piazza che sarà, anche, un'ulteriore voce contro i terrorismi.

MAURIZIO LANDINI A GENOVA

"Tra gennaio e febbraio faremo una consultazione straordinaria di cinque milioni e mezzo di iscritti di Cgil e Fiom anche per valutare la possibilità di fare un referendum abrogativo" che interesserà il Jobs Act e, eventualmente, la Buona Scuola. A riferirlo, Maurizio Landini durante l'odierna giornata genovese in cui il leader Fiom, presente presso la Camera del Lavoro del capoluogo ligure, ha accolto con favore la proposta della Cgil di dar vita ad un nuovo statuto dei lavoratori, per tutte le forme di occupazione, inclusa l'autonoma.  "Il Jobs Act è una legge sbagliata che non serve, che rende più semplici i licenziamenti e non crea posti di lavoro. Per questo va cambiata. Noi siamo pronti a batterci fino in fondo" ha assicurato Landini in un nuovo agguerrito commento alla legge ulteriormente dettato dai primi casi di allontamento dei lavoratori dopo soli 8 mesi di contratto (situazione descritta dal Fatto Quotidiano in riferimento ai licenziamenti operati dalla cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo, in provincia di Udine). Landini ha aggiunto, in merito alla base dei consensi popolari nei confronti del governo, di non essere convinto dell'appoggio della maggioranza degli italiani alla tavola renziana, in quanto "nessuno dei provvedimenti che ha messo in campo (il premier ndr.) sono stati mai sottoposti a voto".

FIOM SABATO IN PIAZZA

La Fiom manifesterà sabato 21 novembre a Roma e, assicura il leader, sarà un invito a riflettere contro i terrorismi e "contro la logica della guerra". Come anche oggi dichiarato dal prefetto romano Gabrielli, Landini auspica atteggiamenti contrastanti la paura "bisogna non avere paura e evitare di fare quello che i terroristi vorrebbero, chiudersi in casa e accettare una riduzione degli spazi di democrazia" ha affermato Landini che, concludendo, ha evidenziato "dobbiamo utilizzare l'esperienza che il movimento sindacale operaio ha nella lotta al terrorismo. Lo dico a Genova città che ha dimostrato come il movimento operaio sia stato capace con la sua unità e la difesa di certi valori di non far passare il terrorismo".

Fonte foto: confini.blog.it

Ilary Tiralongo

InfoOggi.it Il diritto di sapere