Formula 1, Hamilton vince a Suzuka ed eguaglia il record di Senna

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
SUZUKA, 27 SETTEMBRE 2015 – Dopo un dominio durato dal primo all’ultimo giro, Lewis Hami...

SUZUKA, 27 SETTEMBRE 2015 – Dopo un dominio durato dal primo all’ultimo giro, Lewis Hamilton taglia il traguardo per primo e conquista il suo quarantunesimo successo in carriera. Un numero che in Formula 1 non passa inosservato, visto che ricorda i trionfi ottenuti dal brasiliano Ayrton Senna, idolo mai dimenticato dagli amanti della velocità. Ed è lo stesso pilota britannico a dedicare un pensiero al suo predecessore: “Per me è una vittoria speciale, perché adoravo e ammiravo Senna”.

Ma torniamo alla gara odierna. Nella Terra del Sol levante le Mercedes conquistano una doppietta pesante, davanti alle due Ferrari di Vettel e Raikkonen. “Le Ferrari a Singapore sono state velocissime, ma noi qui dovevamo dare il massimo e ci siamo riusciti”, commenta Hamilton. E se da un lato il pilota britannico è sempre più vicino alla conquista del titolo iridato, la Ferrari, dal canto suo, vede comunque il bicchiere mezzo pieno: il divario dalla scuderia della Stella si riduce gara dopo gara e il Cavallino Rampante già ambisce a un futuro più roseo.

La cronaca. Rosberg, dopo una partenza non esaltante dalla pole, viene superato da Hamilton, Vettel e Bottas. Il britannico prende subito il largo e, nonostante sia il più veloce in pista, è anche l’ultimo a effettuare il primo pit-stop. Intanto il tedesco della Mercedes, con le gomme nuove, prima riesce a superare Bottas, poi si lancia all’inseguimento di Vettel. L’usura eccessiva degli pneumatici rallenta la Ferrari di Seb, e Nico, grazie a una sosta anticipata e a un giro record, conquista la seconda posizione. Nel frattempo, con la medesima strategia, Kimi Raikkonen strappa la quarta piazza alla Williams di Bottas, delineando così quello che sarà l’ordine d’arrivo sotto la bandiera a scacchi.

(Foto da: motori.leonardo.it)

Vanna Chessa

InfoOggi.it Il diritto di sapere