Formula 1, prove libere GP Cina - Vettel: "Ancora qualcosa da sistemare"

26
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
SHANGHAI, 13 APRILE – Sebastian Vettel ha concluso in quarta posizione l’odierna session...

SHANGHAI, 13 APRILE – Sebastian Vettel ha concluso in quarta posizione l’odierna sessione di prove libere sul circuito cinese, alle spalle di Hamilton, Raikkonen e Bottas. La sessione è stata particolarmente equilibrata, con i tempi di Mercedes e Ferrari racchiusi in poco più di un decimo di secondo, mentre più in difficoltà sono apparse le Red Bull, con Verstappen 5° e Ricciardo 9°.

Intervistato da Sky Sport nel paddock, il pilota tedesco ha ammesso che “la giornata è stata difficile e non siamo ancora ai livelli giusti. La prestazione sul giro secco è da ritenere positiva, ma dobbiamo ancora sistemare qualcosa sulla lunga distanza. La macchina è migliorata rispetto alla prima gara, ma c'è ancora da fare. In Cina le indicazioni sono buone, ma possiamo e dobbiamo ancora migliorare. Analizzeremo la situazione e domani in qualifica vedremo i valori. Il passo e il potenziale della macchina devono ancora essere sprigionati, oggi il mio rendimento è stato altalenante. Domani sarà molto importante, perché la pista è lunga e le gomme difficili da gestire. Se qualcuno ha qualche suggerimento intelligente, lo accetto volentieri”.

Leggermente più soddisfatto il compagno di squadra, Raikkonen, che ha chiuso ancora una volta una sessione di libere con un tempo migliore di quello registrato da Vettel. “Mi sento a mio agio – ha dichiarato il Finlandese – è andata piuttosto bene anche se ho trovato un po' di traffico che mi ha impedito di realizzare un tempo più veloce: ci siamo fatti una discreta idea della nostra condizione. Se saremo in grado di lottare con la Mercedes per la pole? Non ne ho idea, vedremo”.

Il dominatore della giornata, Lewis Hamilton, ha invece ostentato serenità: “È stata una buona giornata, nonostante il tempo sia peggiorato. Abbiamo fatto tutti i giri di cui avevamo bisogno e ottenuto un buon feedback anche con le gomme: sono abbastanza simili, non c’è una grande differenza tra loro, anche se c’è un doppio salto tra soft e ultrasoft. Nel complesso il bilanciamento è buono, ma dobbiamo fare qualche aggiustamento stasera perché la Ferrari è veloce e la Red Bull molto in forma sul passo: è bello vedere tutti così vicini, ma significa che abbiamo davvero bisogno di fare fino in fondo il nostro gioco per spuntarla”.
In effetti, nonostante i tempi delle Red Bull siano più alti rispetto a quelli di Mercedes e Ferrari, è da sottolineare che la squadra austriaca nel corso di questa sessione ha utilizzato gomme ultrasoft, con le quali non vi è ancora un ottimo feeling; la qualifica potrebbe dunque non essere positiva per Verstappen e Ricciardo, tuttavia le loro auto potrebbero decisamente migliorare alla distanza, facendo registrare tempi migliori sul passo gara con le mescole morbide e soprattutto con quelle medie.

La sfida di domenica sarà dunque molto accesa, considerando che storicamente la pista di Shanghai rappresenta uno dei baluardi della Mercedes, vincitrice degli ultimi quattro gran premi disputati sul circuito cinese, ma anche di Hamilton, primatista individuale di successi (5). La Red Bull, nel contempo, cercherà di sfruttare i molti tratti guidati e non particolarmente veloci del tracciato (che ha un solo lungo rettilineo) per esaltare le caratteristiche del proprio equilibratissimo telaio, mentre in casa Ferrari si dovrà cercare di non perdere il vantaggio accumulato in classifica dopo le prime due vittorie stagionali, che mancavano da 14 anni nella bacheca della Scuderia di Maranello.

 

Francesco Gagliardi

 

Fonte immagine: sport.sky.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere