Giro d'Italia, lo sloveno Jan Polanc doma l'Etna e vince la quarta tappa

61
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANIA, 9 MAGGIO - È dello Jan Polanc vince la quarta tappa Cefalù-Etna dopo una...

CATANIA, 9 MAGGIO - È dello Jan Polanc vince la quarta tappa Cefalù-Etna dopo una fuga lunga 179 km. Lo sloveno fa il vuoto nella prima tappa con arrivo in salita e conquista la sua seconda vittoria al Giro. Maglia rosa a Bob Jungels. rimasto in fuga per ben 170 km, , dopo il successo sull’Abetone nel 2015.

Tappa piuttosto tranquilla dopo il giorno di riposo con i quattro fuggitivi che prendono il largo al km 2; si tratta del russo Pavel Brutt (Gazprom Rusvelo), dal sudafricano Jacques Janse Van Rensburg (Dimension Data), dell’italiano Eugenio Alafaci (Trek Segafredo) e dallo sloveno Jan Polanc (UAE Emirates).

Il gap sale fino a 8' nei primi tratti di discesa, con Brutt davanti a tutti nei traguardi volanti di Bronte e Biancavilla. A meno di 50 chilometri dal traguardo perde contatto Alafaci, e successivamente anche Brutt. Nel gruppo degli inseguitori le squadre dei leader si mettono a tirare, con la Bahrain Merida a far ritmo.

Vincenzo Nibali scatta ai 2.4 km dal traguardo e prova l’allungo ma la sua azione viene annullata dopo pochi metri dal team Moviestar di Quintana e dagli altri big del Giro. Quello del siciliano non è un attacco convinto ma serve a testare la condizione dei suoi avversari. Gli ultimi chilometri sono condizionati dal forte vento contrario con il gruppo di testa che si dispone a ventaglio. Dal gruppetto degli inseguitori parte Zakarin, che prova ad accorciare sul leader della corsa ma non c'è più nulla da fare.

Jan Polanc, dopo una fuga lunghissima partita al secondo chilometro di gara, arriva da solo al traguardo sulla cima dell’Etna compiendo una vera e propria impresa e conquistando il successo di tappa in 4h 55’ 58”. Alle sue spalle il russo Zakarin, che dopo la caduta dei giorni scorsi, recupera qualcosa sui diretti rivali in classifica generale.

 

 

La maglia rosa finisce sulla spalle del lussemburghese Bob Jungels che l’aveva vestita per tre giorni anche nella scorsa edizione. Alle sue spalle l’inglese Thomas Geraint del Team Sky, terzo sul traguardo di oggi e lontano solo 6'' dal leader della classifica generale.

 

Giuseppe Sanzi

(fonte immagine Infooggi.it)

InfoOggi.it Il diritto di sapere