I volti del vino: la FIS presenta i suoi appuntamenti

92
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
29 NOVEMBRE 2015 - Valpolicella, dal latino vallis polis cellae (valli dalle molte cantine), &egrave...

29 NOVEMBRE 2015 - Valpolicella, dal latino vallis polis cellae (valli dalle molte cantine), è il nome del territorio dal quale proviene l’amarone, per meglio intenderci, uno dei vini più pregiati e amati fra i rossi italiani.

Ed è con un evento come questo che Paola Gambini (Fis) cura i suoi appuntamenti, che intervalleranno le 52 lezioni proposte dalla Fondazione Italiana Sommelier presso la zona dei Castelli Romani, ospitando una delle aziende italiane che interessa attualmente i consumatori più esigenti.

Nato dall’evoluzione del noto recioto, vino tra i più antichi della storia vitivinicola veronese, l’amarone discenderebbe dunque anch’esso dalla vite retica romana (Retia era l’area tra il Danubio, il Tirolo e la Lombardia) e sulla vite medesima si sarebbero pronunciati molti fra gli autori latini più illustri. Da Catone a Svetonio, a Marziale ma, in una lettera del IV secolo dopo Cristo, proprio Cassiodòro, politico e letterato (Squillace 490 circa - Vivario 593) figlio di un alto funzionario di Teodorico, si sarebbe pronunciato sull’ottimo vino ottenuto con una speciale tecnica d’appassimento delle uve, chiamato allora Acinatico, privato dell’acino, si presume.

L’evento ha goduto del sostegno dei docenti Alberto Franchi (Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella) e Paolo Lauciani, con i quali è stato possibile approfondire le conoscenze di alcune caratteristiche rappresentative della viticoltura di questa zona, tufacea e fertile, circoscritta in cinque aree geografiche: l’areale di Sant’Ambrogio di Valpolicella, l’areale di San Pietro in Cariano e le valli di Fumane, Marano e Negrar.

Otto le etichette differenti, di altrettante aziende rappresentative dell'area della Valpolicella, accompagnate e supportate dal Consorzio Tutela Monte Veronese con tre tipologie di formaggio di diversa stagionatura, grazie alla collaborazione di Paola Giagulli.

Altri saranno ancora gli eventi degustativi promossi dalla Fis, che anticipa già il prossimo focus del 10 dicembre, a Frascati, incentrato sulla storia e sul territorio della Franciacorta, in collaborazione con il Consorzio Tutela del Franciacorta. 

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere