Il grande pianista Benedetto Lupo ha inaugurato la nuova stagione musicale di Ama Calabria 2019

1144
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LAMEZIA TERME (CZ) 4 FEBBRAIO - Il grande pianista Benedetto Lupo ha inaugurato la nuova stagi...

LAMEZIA TERME (CZ) 4 FEBBRAIO -  Il grande pianista Benedetto Lupo ha inaugurato la nuova stagione musicale di Ama Calabria che si svolgerà a Palazzo Guzzi, sede operativa dell’associazione sita in via P.Celli, anziché presso il teatro Umberto come avveniva di consueto prima che subentrasse nella città di LameziaTerme  la terna commissariale a causa di infiltrazioni mafiose nell’amministrazione comunale. Nonostante le obiettive difficoltà, legate alla chiusura di tutte le  strutture teatrali su cui regna un silenzio assordante  da parte della commissione straordinaria che ancora non si pronuncia sulla risoluzione delle esistenti criticità, Ama Calabria non ha voluto privare la città di questa più che trentennale manifestazione musicale tesa ad innalzare il  livello culturale, sociale ed economico del territorio lametino.

La stagione musicale di questa edizione  si articola in 12 appuntamenti che vedono come protagonisti i più prestigiosi artisti  della musica nazionale ed internazionale che contribueranno ad animare la città finora punto di riferimento per le programmazioni concertistiche italiane. La manifestazione, che si  realizza con il sostegno del MiBac Direzione Generale dello Spettacolo dal vivo della Regione Calabria e del Comitato nazionale italiano di Musica, si è aperta con il concerto per pianoforte di Benedetto Lupo, uno dei talenti più significativi della sua generazione il quale, già in passato si era esibito a Lamezia Terme ed ora è tornato dimostrando grande generosità e disponibilità verso Ama Calabria. Al pubblico, appassionato del genere classico musicale, il pianista  ha proposto un programma di assoluto valore interpretando le Kinderszenen , opera 15 e Kreisleriana, opera 16 di Robert Schumann e della Grande Sonata in sol maggiore opera 37 di  Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Per dutta la durata del concerto, circa due ore, il pianista ha dato prova di grande professionalità evidenziando una eccellente performance nell’esecuzione dei brani molto impegnativi e soprattutto spiccata sensibilità per  gli stati d’animo e i particolari momenti attraversati dai grandi compositori espressi  mirabilmente nelle  musiche squisitamente eseguite. Nonostante i tempi lunghi del concerto, il pianista ha regato ai presenti uno straordinario valzer tratto da “ Le  Stagioni”  di  Čajkovskij, molto apprezzato  a conclusione della serata.

 

Foto: Benedetto Lupo

Lina Latelli Nucifero

InfoOggi.it Il diritto di sapere