Imu agricola, esenzione per 69 comuni montani umbri

90
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PERUGIA, 24 GENNAIO 2015 – Dal Consiglio dei Ministri arrivano nuovi criteri altimetrici ...

PERUGIA, 24 GENNAIO 2015 – Dal Consiglio dei Ministri arrivano nuovi criteri altimetrici per il pagamento dell'Imu agricola montana: esenzione totale per 3456 comuni e parziale per altri 655; pagamento posticipato al 10 febbraio.

«Abbiamo lavorato per una soluzione definitiva e strutturale della vicenda IMU sui terreni montani», ha dichiarato il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, precisando di aver «risolto», con il decreto di ieri, «i problemi amministrativi sopravvenuti e tutelato ancora di più coloro che vivono di agricoltura nei territori rurali».

Per l’assessore regionale alle Politiche agricole Fernanda Cecchini, «Con la reintroduzione dei parametri di montanità dell’Istat saranno esenti dall’Imu agricola i 69 comuni montani dell’Umbria, oltre i due terzi del totale, e nei 22 comuni parzialmente montani verranno esentati tutti i terreni di proprietà o in affitto a imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti. Un bel passo in avanti - ha aggiunto - rispetto alla situazione che altrimenti avrebbero determinato le precedenti disposizioni, poiché coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali di 18 comuni, la cui sede è al di sotto dei 280 metri, avrebbero perso totalmente l’esenzione ed addirittura in 85 sui 92 dell’Umbria, i terreni agricoli, non di proprietà di coltivatori ed imprenditori agricoli, sarebbero stati gravati dall’imposta».

Elenco dei 69 comuni “montani” umbri esenti dal pagamento: Assisi, Campello sul Clitunno, Cascia, Cerreto di Spoleto, Citerna, Città della Pieve, Città di Castello, Corciano, Costacciaro, Foligno, Fossato di Vico, Fratta Todina, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Magione, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Monteleone di Spoleto, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Nocera Umbra, Norcia, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro, Pietralunga, Poggiodomo, Preci, San Giustino, Sant’Anatolia di Narco, Scheggia e Pascelupo, Scheggino, Sellano, Sigillo, Spello, Todi, Tuoro sul Trasimeno, Umbertide, Valfabbrica, Vallo di Nera, Valtopina, Acquasparta, Allerona, Arrone, Attigliano, Calvi dell’Umbria, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Fabro, Ferentillo, Ficulle, Giove, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montefranco, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Otricoli, Parrano, Penna in Teverina, Polino, Porano, San Gemini, San Venanzo, Stroncone, Avigliano Umbro.

Elenco dei 22 comuni “parzialmente montani”: Bettona, Bevagna, Cannara, Castel Ritaldi, Castiglione del Lago, Collazzone, Deruta, Marsciano, Montefalco, Paciano, Perugia, Spoleto, Torgiano, Trevi, Alviano, Amelia, Baschi, Guardea, Montecchio, Narni, Orvieto, Terni.

Domenico Carelli

(Foto: bettonaoggi.it)

InfoOggi.it Il diritto di sapere