Maltempo: l'Abruzzo chiede lo stato di emergenza. Danni per 80 milioni di euro.

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PESCARA, 7 MARZO 2015 – Ieri pomeriggio la Giunta regionale, su proposta dell’assessore ...

PESCARA, 7 MARZO 2015 – Ieri pomeriggio la Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Protezione civile Mario Mazzocca, ha deciso di richiedere al Governo lo stato di emergenza per le aree del territorio colpite dall' eccezionale ondata di maltempo che ha interessato la regione dal 4 al 6 Marzo.

L'Abruzzo è in ginocchio: frane, allagamenti sulla costa ed emergenza neve all'interno, decine di strade interrotte a causa della caduta di alberi. Qualcosa nel clima sta cambiando ed è sotto gli occhi di tutti perchè questi eventi, che dovrebbero essere eccezionali, si ripetono sempre più spesso.

La stima approssimativa dei danni è di non meno di 80 milioni di euro.

Nella delibera con la quale è stata formalizzata la richiesta dello stato di emergenza si precisa che il provvedimento sarà «corredato da puntuale e circostanziato rapporto contenente il dettaglio degli eventi accaduti con stima dei danni pubblici e privati, corredato da dettagliato report fotografico ed adeguata rappresentazione cartografica, con puntuale localizzazione delle maggiori criticità». La Protezione civile regionale effettuerà «gli adempimenti di cui alla deliberazione di giunta n. 4 dell’8 gennaio 2015 (Definizione delle procedure finalizzate alla richiesta della dichiarazione dello Stato di emergenza).»

Mentre un forte vento sferza ancora sulle coste abruzzesi, molti cittadini lamentano ritardi nei soccorsi e nel ripristino della corrente elettrica. A. M., un uomo che incontro mentre ringrazia un caro amico per avergli prestato un generatore di corrente, dice: «sono senza elettricità da 3 giorni. Porto questo generatore a casa perchè non credo più alle promesse che ci hanno fatto: chi fa da sé fa per tre! Non si può restare 3 giorni senza corrente nel 2015!»

Fonte foto: Wikipedia

Chiara Innocenti
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere