Manovra: Durigon, testi pronti su reddito-quota 100, oggi in cdm

404
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 17 GENNAIO - "I testi sono pronti, sono stati validati dalla Ragioneria generale dello St...

ROMA, 17 GENNAIO - "I testi sono pronti, sono stati validati dalla Ragioneria generale dello Stato e dai ministeri". Lo sostiene il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon a Radio anch'io, riferendosi al decreto che contiene i due provvedimenti chiave di questo governo: il reddito di cittadinanza e quota 100. "Si sta affrontando un documento molto esaustivo delle due azioni e oggi ne parleremo con il premier e i vicepremier per poi portarlo, sempre oggi, in Consiglio dei ministri" ha spiegato Durigon. "La posizione e' definita - dice ancora - ma vogliamo spiegarla al premier e ai vice premier". "Stiamo valutando l'azione finale, aspetterei oggi pomeriggio per avere il quadro conclusivo".

Il decreto prevede un sconto per il riscatto della laurea per gli under 45. "Assolutamente si' - spiega Durigon - Abbiamo voluto far credere ai giovani che la loro pensione e' a portata di mano, e in qualche modo possono costruirsi il loro percorso previdenziale, abbiamo fatto in modo che i contributi possono essere recuperati". Durigon conferma poi che le prime finestre d'uscita saranno aprile per i privati e luglio per gli statali. "Assolutamente si'". Quota stanziata 3,9 miliardi ma in realta' le spese complessive sarabbero di 4,7 miliardi. Ci sono le coperture? "Il sistema e' definito e sara' molto piu' esaustivo di quello che era in previsione, avremo una riforma pensionistica che lascera' il segno in questo Paese. Ci sono alcune cose in piu' ma sara' tutto coperto". I 350.000 che nel prossimo triennio aderiranno a quota 100 perderanno del soldi rispetto alla Fornero. In quale percentuale? "Non si perdera' nulla rispetto a quello che uno ha versato. Dai calcoli statistici che abbiamo affrontato ci sono dei mancati guadagni, fino a un massimo del 16% del netto per pensioni di 1.500-2.000 euro. Ma gli italiani sapranno fare i loro conti per trovare le soluzioni piu' adeguate per loro".

InfoOggi.it Il diritto di sapere