Mondiali, il Belgio affonda l'Inghilterra e conquista il terzo posto

18
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
NAPOLI, 15 LUGLIO – Può sorridere la nazionale belga. Nella partita tra le grandi delus...

NAPOLI, 15 LUGLIO – Può sorridere la nazionale belga. Nella partita tra le grandi deluse del Mondiale, quella per il terzo e quarto posto nell’èlite del calcio internazionale, sono i diavoli rossi ad imporsi su una mediocre Inghilterra con il punteggio di 2-0.

Il Belgio è apparso sin da subito più tonico e scattante rispetto alla compagine britannica, logorata da un supplementare perso sul finale con la Croazia e da un giorno in meno di riposo. Pronti, via e subito gli uomini di Martines passano avanti con Meunier: Chadli (deludente contro la Francia) asfalta l’out di sinistra e serve un cross millimetrico all’accorrente terzino del Psg, che raccoglie il cioccolatino confezionatogli dal compagno e trafigge Pickford. Dopo 4 minuti l’Inghilterra è già sotto.

Gli Inglesi escono alla metà del primo tempo con Sterling che imbecca il capocannoniere del Mondiale Harry Kane: il bomber del Tottenham spara alto da ottima posizione. Dall’altro lato, però, Lukaku non è più preciso del suo collega di Premier, ed il punteggio resta fermo sull’1-0.

Nella ripresa lo spartito non cambia, ed è ancora il Belgio ad orchestrare la sinfonia: De Bruyne, Hazard ed il subentrato Mertens mettono a ferro e fuoco la retroguardia inglese, in quella che ormai sembra diventata una gara di calcio estivo, con squadre lunghissime e contropiedi da un lato e dall’altro. Southgate mescola le carte e butta nella mischia Rashford e Lingard, poi Dier sfiora il pari.

Il Belgio va quindi vicinissimo ad uno dei goal più belli della storia della competizione, con una rapida ripartenza dal basso ed un dai e vai Meunier - De Bruyne - Meunier che il terzino non riesce a capitalizzare grazie ad un superbo Pickford. Sono le prove generali del raddoppio, che arriverà a meno di dieci minuti dallo scadere con il solito Eden Hazard. E’ 2-0, e Bruxelles può sorridere.

Paolo Fernandes

Foto: corrieredellosport.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere