Occhio alle Camelopardis di Maggio
InfoOggi Universo Calabria Roma

Occhio alle Camelopardis di Maggio

domenica 25 maggio, 2014

La foto che vi presentiamo (in copertina, ma meglio visibile nella fotogallery) arriva da un accampamento sulle sponde settentrionali del Grande Lago Erie, tre brevi striature causate da meteore brillanti sono stati catturate in questa composizione di foto di un cielo urbano notturno. Il passaggio è stato registrato intorno le ore del mattino del 24 maggio e le meteore in questione appartengono alle sfuggenti Camelopardalis.[MORE]

Proprio in queste ore, infatti, e per qualche giorno a venire, una nuova ondata di “stelle cadenti” sarà provocato dall’avvicinamento periodico della cometa 209P/LINEAR. Le loro scie indicano che la loro direzione apparente mira proprio alla stella Polare e dunque verso il polo nord celeste. In particolare le meteore saranno visibili nella costellazione Camelopardalis, il leopardo cammello che oggi è meglio conosciuto con il nome di Giraffa. Nel 2012, gli esperti di meteoriti del Esko Lyytinen e Peter Jenniskens, del Nasa Ames Research Center, previdero che proprio nel corso del mese di maggio di quest'anno la cometa avrebbe prodotto il miglior spettacolo di “stelle cadenti” nei pressi del nostro pianeta, grazie ai detriti espulsi nel 1800 dalla stessa cometa. La loro luminosità sarà pari, se non superiore alle ben più famose Perseidi del mese di agosto.
A rendere ancora più spettacolare la foto scattata da Malcom Park della North York Astronomical Association è la presenza della lunga scia che taglia tutta il cielo provocata dalla Stazione Spaziale Internazionale, che proprio, durante quella notte, ha solcato i cieli sopra i grandi laghi Americani.


Crediti: APOD, Malcom Park, North York Astronomical

 

Luca Tiriolo

Argomenti:
Autore