• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Oggi la terza prova di Maturità. Il "quizzone" sparirà dal 2019

Lazio

ROMA, 25 GIUGNO – Questa mattina ha avuto inizio l’ultima prova scritta della maturità 2018. Per gli studenti iscritti in scuole sede di seggio la prova si sosterrà mercoledì. La terza prova, chiamata anche “quizzone”, è stata introdotta alla fine degli anni Novanta dall’allora ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer. Consiste in una argomentazione a risposta aperta di non più di 5 argomenti, quesiti a risposta multipla o due problemi a soluzione rapida o due casi pratici-professionali in base all’indirizzo. Gli argomenti possono variare su qualsiasi disciplina di indirizzo, tranne le materie delle prime due prove scritte.

La terza prova vedrà oggi l’ultima apparizione. Dalla maturità 2019 infatti questa sarà abolita e sostituita con una prova invalsi da sostenere due mesi prima dell’esame che verterà su Italiano, Matematica e Inglese. Il voto d’esame sarà quindi composto esclusivamente dalle due prove scritte e dall’orale, ma la prova invalsi sarà propedeutica per l’accesso alla maturità.[MORE]

La terza prova ha lo scopo di verificare il grado di conoscenze acquisite nell’ultimo anno e prevede domande di massimo 5 discipline su tutto il programma. È considerata dunque la prova scritta più ostica dell’esame, per il suo carattere nozionistico e multidisciplinare. Essa vale, come gli altri scritti, 15 punti dell’esame e le domande sono elaborate dai professori in base al Documento di Classe che racchiude gli argomenti trattati durante l’anno dagli studenti, che vengono a conoscenza della disciplina scelta solo la mattina della prova.

Federico De Simone

Fonte immagine: tpi