Perché si tradisce il proprio partner: le ragioni più comuni

341
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
Esistono tre tipi fondamentali di ragioni per le quali si può arrivare a tradire il pro...

 Esistono tre tipi fondamentali di ragioni per le quali si può arrivare a tradire il proprio partner: ragioni individuali, ragioni legate alla relazione e ricerca di sensazioni forti. 

Le ragioni individuali hanno che fare con il bisogno di dimostrare qualcosa a se stessi: il bisogno di sentirsi piacenti, affascinanti, capaci di conquistare; il bisogno di dimostrare il proprio coraggio o la propria sfrontatezza, il bisogno di sentirsi belli/e e apprezzati/e. Li potremmo definire tradimenti per rafforzare la propria autostima.
I traditori (o le traditrici) seriali tradiscono spesso proprio per alimentare il proprio narcisismo, ovvero il proprio bisogno di sentirsi importanti e fascinosi.

Il secondo tipo di tradimento è invece legato a problemi interni alle relazione e ha a che fare con carenze o mancanze vissute nel rapporto con il partner: una relazione divenuta noiosa, una vita sessuale insoddisfacente, il fatto di non sentirsi sufficientemente capiti o apprezzati. Spesso, il tradimento “esplicito” è la conseguenza di tanti micro-tradimenti subiti in precedenza all’interno della relazione (carenza di sostegno o di attenzione, mancanza di comunicazione) ed è l’unico modo che una persona trova per esprimere il proprio vissuto di insoddisfazione o malcontento senza interrompere la relazione sentimentale in essere. Questo tipo di tradimento è in altre parole il conto salato di tante disattenzioni e indelicatezze.

L’ultimo tipo di tradimento è legato alla ricerca di adrenalina: un’attrazione travolgente, un’eccitazione che non si sentiva da tempo, il gusto del proibito. Di solito, si ricorre a questo tipo di tradimento soprattutto quando la propria relazione sentimentale è divenuta noiosa e abitudinaria, cosa che sfortunatamente succede a molte coppie.

Infatti, non basta amarsi per rimanere una coppia felice. Bisogna coltivare, nutrire quell’amore con continue, generose invenzioni per evitare di svegliarsi un giorno e scoprirsi profondamente infelici. E non dimenticare mai che da un’unica relazione – per quanto bella e intensa – non possono essere soddisfatti tutti i nostri bisogni come esseri umani.


Giovanni Porta

Seguimi su Facebook

InfoOggi.it Il diritto di sapere