Progetto scuola-lavoro tra l'ANIV Calabria e l'istituto Da Vinci di Cosenza

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
COSENZA, 10 FEBBRAIO 2014 - Si è tenuto presso l'auditorium dell'Istituto d'Istruzione Superi...

COSENZA, 10 FEBBRAIO 2014 - Si è tenuto presso l'auditorium dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Leonardo da Vinci-Nitti" di Cosenza un interessante e partecipato seminario dal titolo: "Sapere= Fare: chiave di lettura per un lavoro sicuro". Un momento di formazione e dialogo con le Istituzioni, che ha ribadito quanto i ragazzi abbiano voglia di essere informati e "formati" e come essi intendano farsi trovare preparati per affrontare al meglio le nuove sfide del futuro. Ad introdurre i lavori sono state il Dirigente Scolastico, Graziella Cammalleri, e il Responsabile Regionale per la Calabria del Centro Studi ANIV, Francesca Daniele. A seguire, i saluti di rito dell'Assessore alla Formazione Professionale e alle Politiche del Lavoro della Provincia di Cosenza, Giuseppe Giudiceandrea, del Vicario della sede INAIL di Cosenza, Renato Riitano, e del Responsabile dell'Agenzia interna della sede provinciale INPS di Cosenza, Rocco Posa.

"La partecipazione di diversi attori Istituzionali – ha esordito Graziella Cammalleri – ci consente di implementare la già ampia rete di contatti costruita nel tempo dal nostro Istituto, al fine di garantire una corretta mediazione tra scuola e mondo del lavoro, per far sì che la scuola possa svolgere, a pieno titolo, un ruolo attivo nell'incrocio tra domanda ed offerta. Inoltre, questo evento rappresenta un momento altamente formativo per l'ampliamento del percorso individualizzato dei ragazzi che, all'interno del nostro Istituto, partecipano al progetto ministeriale FIXO".

L'iniziativa scuola-lavoro rientra in un progetto dell'ANIV Calabria incentrato su incontri tematici con gli studenti delle IV e V classi degli Istituti Leonardo da Vinci e Nitti di Cosenza. Incontri che prevedono due moduli: il primo, comune a tutti gli indirizzi, analizzerà le forme di tutele previdenziali e assistenziali, possibili solo nel mercato del lavoro garantito; il secondo, invece, si differenzierà dal primo perché si calerà nella specificità di ciascun indirizzo, diverso sia per percorso di studi che per sbocco occupazionale. Ciò, per dare un taglio pratico agli incontri programmati, a cui prenderà sempre parte un testimonial per ciascun settore che, con la propria esperienza in materia, darà consigli utili ai ragazzi, per meglio indirizzarli sui percorsi da intraprendere per la futura attività lavorativa.

"Come ANIV crediamo fermamente che il concetto di legalità nel mondo del lavoro vada trasmesso, innanzitutto, alle giovani generazioni – l'affermazione di Francesca Daniele – a quanti non fanno ancora parte del mondo del lavoro, ma che ben presto vi si affacceranno, e a cui noi adulti abbiamo il dovere di offrire tutte le possibilità e le conoscenze utili per valutare, in modo consapevole, le future scelte lavorative. L'obiettivo che ci poniamo come ispettori che operano nel mondo del lavoro è quello di donare ai ragazzi la nostra conoscenza e la nostra esperienza. Con i nostri incontri nelle scuole cerchiamo di spiegare agli studenti l'importanza del lavoro garantito e tutelato, autonomo o subordinato che sia, per non fargli correre il rischio di diventare domani dei fantasmi del mondo del lavoro". Grande l'interesse suscitato nei ragazzi da parte dei relatori. A condividere la propria esperienza con i giovani studenti cosentini sono stati: il Dirigente Provinciale del Settore Mercato del Lavoro, Luigi Novellis, che ha parlato del "Progetto Garanzia"; il Responsabile locale di Italia Lavoro SpA, Antonio Vilardi, che ha approfondito il progetto portato avanti con l'Istituto Da Vinci-Nitti parlando di "Progetto FIXO, Scuola e Università"; il Direttore di Confartigianato Cosenza, Francesco Falzetta, che ha sottolineato l'importanza delle "Aziende artigiane del territorio come partner ideali della Scuola"; il Direttore di Confindustria Cosenza, Rosario Branda, che ha puntato la sua attenzione su "L'alternanza scuola-lavoro come porta d'ingresso all'imprenditoria giovanile".

Notizia segnalata da Ufficio Comunicazione

InfoOggi.it Il diritto di sapere