• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Sicilia, ecco la giunta di Musumeci: fuori la Lega, entrano Marco Falcone e Vittorio Sgarbi

Sicilia

PALERMO, 29 NOVEMBRE - Il neogovernatore della Regione Sicilia, Nello Musumeci, è in procinto di firmare i decreti con le deleghe ai 12 assessori scelti per comporre la squadra di governo. Confermati i nomi già noti da tempo, con i rispettivi ruoli. Gaetano Armao, in quota Forza Italia, sarà vicepresidente e assessore all’Economia. Nessuna sorpresa nemmeno per l’ex rettore di Palermo, Roberto Lagalla, che avrà l’Istruzione e la Formazione professionale. [MORE]

La soluzione trovata da Musumeci, alla fine, scontenta la Lega che rimane fuori dalla giunta e premia Raffaele Lombardo, che avrà nell’esecutivo di Palazzo d’Orleans Mariella Ippolito, la presidentessa dell’ordine dei farmacisti di Caltanissetta. Forza Italia, invece, rinuncia a un posto e ciò garantirà al commissario Gianfranco Micciché i voti dell’Mpa nell’elezione per la presidenza dell’Ars.

Gli altri prescelti sono il catanese Marco Falcone, capogruppo uscente, la messinese Bernadette Grasso, ex sindaco di Rocca di Caprileone, e il siracusano Edy Bandiera, neodeputato legato all’ex ministra Stefania Prestigiacomo. Farà parte della squadra di governo anche Vittorio Sgarbi, in predicato di diventare assessore ai Beni culturali, che entrerà in quota Forza Italia.

Rispetto alla squadra su cui Musumeci lavorava nei giorni scorsi, uno dei nomi nuovi è quello di Vincenzo Figuccia, da pochi mesi transitato da Forza Italia all'Udc. L'altro nome in quota Udc è quello dell'ex capogruppo Girolamo Turano.

I popolari autonomisti guadagnano un posto grazie all’ingresso della Ippolito in quota Mpa. L’altro nome, oltre a Lagalla, è quello di Toto Cordaro. Musumeci promuove in giunta anche un uomo di fiducia, l’avvocato catanese Ruggero Razza destinato alla Sanità. Per la componente Fratelli D’Italia-Noi con Salvini ecco in giunta Sandro Pappalardo, esponente catanese di Fdi.

L’esclusione della Lega non è di certo andata giù a Matteo Salvini: "Gli accordi in campagna elettorale erano diversi e non sono stati rispettati" ha spiegato Angelo Attaguile, segretario nazionale del movimento Noi con Salvini, ricordando "l'impegno in prima persona" del leader della Lega che nell'Isola "ci ha messo la faccia, spendendosi in prima persona". "Vedremo cosa Musumeci deciderà domani – ha aggiunto Attaguile indicando un tempo strettissimo per la presentazione della Giunta - e dopo ovviamente Salvini farà le sue valutazioni".

 

Giuseppe Sanzi

(fonte immagine Infooggi.it)