• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Soggiorni di studio all'estero: iscrizioni entro il 28 Febbraio

Trentino Alto Adige

TRENTO, 31 GENNAIO 2014 - Sul sito regionale è stato divulgato il seguente comunicato. Studiare e vivere per un intero anno scolastico all’estero, in Austria, Germania, Gran Bretagna, Irlanda o Francia. E’ una possibilità prevista dalla legislazione scolastica italiana e sostenuta dalla Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol che mette a disposizione degli studenti delle scuole medie superiori della regione 60 borse di studio per l’anno scolastico 2014/2015.

L’iniziativa, finalizzata a promuovere l’integrazione europea, si rivolge agli studenti residenti in regione, frequentanti la terza classe di uno degli istituti superiori del Trentino-Alto Adige o dei comuni confinanti di Pedemonte, Colle Santa Lucia, Cortina d’Ampezzo, Livinallongo del Col di Lana, Magasa e Valvestino. [MORE]

L’iniziativa è rivolta a tutti gli studenti interessati a perfezionare le proprie conoscenze linguistiche ed a confrontarsi con la cultura ed i costumi di uno dei cinque Paesi ospitanti. L’anno scolastico trascorso all’estero sarà poi riconosciuto in Italia. La borsa di studio della Regione copre le spese di vitto e alloggio, tasse scolastiche e libri e per l’utilizzo di tutte le attrezzature scolastiche. Non sono incluse le spese di viaggio e le spese per il trasporto dei mezzi pubblici sul posto, le gite scolastiche e le spese personali. La domanda dovrà essere presentata entro il 28 febbraio 2014 agli Uffici per l’Integrazione Europea e gli Aiuti Umanitari presso la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol a Trento in via Gazzoletti 2 o a Bolzano in Piazza Università 3.

Per informazioni gli interessati possono chiamare il numero 0461 201344 a Trento e lo 0471 322122 a Bolzano o consultare il sito www.regione.taa.it/europa da cui possono essere scaricati i moduli per la presentazione delle domande.

Sarà un apposito comitato di valutazione regionale a selezionare i borsisti, verificando la conoscenza delle lingue dei candidati e la loro preparazione sulle nozioni di base in materia europeistica. 

(Fonte Regione Trentino Alto-Adige)