Sulcis. Scetticismo e proteste

8
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
IGLESIAS, 13 NOVEMBRE 2012 - «Il Governo sta imbrogliando la Sardegna grazie a qualche c...

 IGLESIAS, 13 NOVEMBRE 2012 - «Il Governo sta imbrogliando la Sardegna grazie a qualche cavallo di Troia e sta spacciando risorse già spese e programmati per risorse nuove: si parla di un piano straordinario per il Sulcis ma questo non esiste e non c'è neppure una stima occupazionale». Così Mauro Pili, deputato Pdl, accoglie la visita dei ministri che tra qualche ora raggiungeranno Carbonia per esaminare da vicino l'emergenza Sulcis.

E sottolinea che il "piano Sulcis" sarebbe «l'imbroglio principale della visita dei ministri. Si tratta di risorse che sono già state programmate dal 2009 al 2011, mentre i 127,7 milioni della delibera Cipe dell'agosto 2012 non sono neppure autorizzate perché trasmessi per il controllo di competenza alla Corte dei Conti lo scorso 22 ottobre e ancora bloccati. Inoltre le risorse dell'Isola, una volta o se rese disponibili, dovranno passare al vaglio dei due ministeri dello Sviluppo economico e della Coesione territoriale».

Intanto ieri pomeriggio alcuni operai ex-Rockwool (azienda sita ad Iglesias chiusa tempo addietro), indossati tute ed elmetti, hanno occupato la galleria Villamarina di Monteponi, ad Iglesias. Un atto simbolico per richiamare l'attenzione dei ministri Passera e Barca e del sottosegretario De Vincenti.

«Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni» fanno sapere «e domani in occasione dell'arrivo dei ministri vogliamo fare sentire la nostra voce all'interno della galleria. Un modo per riaccendere i riflettori dopo troppo silenzio».

Sono motivati dall'evasione del patto firmato lo scorso 22 dicembre presso la Regione, che prevedeva il loro reinserimento nelle aziende partecipate della Regione e dalla loro esclusione dal progetto di bonifica delle aree minerarie dismesse, di cui dovrà occuparsi l'Igea.

(in foto: l'occupazione della galleria, fonte: l'Unione Sarda)

Marco Secci

InfoOggi.it Il diritto di sapere