Torino: braccialetto elettronico per arginare il fenomeno del wandering all'Ospedale delle Molinette

16
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 24 FEBBRAIO 2016 - La Città della Salute di Torino ha avviato con successo...

 TORINO, 24 FEBBRAIO 2016 - La Città della Salute di Torino ha avviato con successo la sperimentazione di un braccialetto elettronico per limitare le fughe dai reparti di Geriatria, fenomeno che, spiega la direzione dell’ospedale, "seppure in generale di entità limitata è in grado di esporre i pazienti a potenziali pericoli e può causare un notevole stato di ansia e di allarme negli operatori e nelle famiglie per ritrovare gli anziani che, aggirandosi smarriti all’interno o addirittura nei dintorni dell’ospedale, possono andare incontro a cadute o traumi”.

L’antidoto contro le uscite improprie e incontrollate di pazienti con demenza senile sarebbe il braccialetto elettronico, sperimentato per la prima volta in Italia dal reparto delle Molinette di Torino. La sperimentazione è stata dapprima approvata dal Comitato Etico Interaziendale della Città della Salute in accordo con il Garante della privacy aziendale. Per sette mesi, da Maggio a Novembre 2015, nel reparto diretto dal professor Giancarlo Isaia, si è monitorata la funzionalità di braccialetti a radiofrequenza che attivano un allarme sonoro ogniqualvolta i pazienti tentano di raggiungere il varco del reparto non accompagnati. A sperimentare il braccialetto sono stati undici pazienti ritenuti a rischio di allontanamento inconsapevole (il cosiddetto wandering), che nei sette mesi hanno fatto scattare il segnale di allarme per 76 volte. Dato il successo, la Città della Salute adotterà il braccialetto non solo in Geriatria, ma anche in altri reparti dove è presente il fenomeno del wandering.


Luna Isabella

(foto da museotorino.it)

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere