Un borgo portoghese di granito ospiterà il primo congresso mondiale dei Bio-distretti

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
IDANHA A NOVA - MONSANTO (PORTOGALLO) 15 LUGLIO 2019- Monsanto viene ritenuto uno dei luoghi più po...

IDANHA A NOVA - MONSANTO (PORTOGALLO) 15 LUGLIO 2019- Monsanto viene ritenuto uno dei luoghi più portoghesi del PortogalloUn borgo-fortezza situato a duecentocinquanta chilometri da Lisbona, caratterizzato da enormi massi di granito utilizzati per costruire pareti e tetti delle abitazioni.  

Sarà questa la location, insieme ad altre località limitrofe quali Idanha a Nova, del primo congresso mondiale dei Bio-distretti, che si terrà dal 17 al 21 luglio prossimi  per l’appunto in Portogallo.

Il capostipite dei Bio-distretti è stato nel 2004 quello del Cilento. Ad esso ne sono seguiti alcune decine in Italia e svariati in Europa, tra cui quelli del Portogallo, che stanno avendo un certo seguito a livello istituzionale e sociale. Altri sono in divenire in Africa, Asia e Sudamerica. 

L’internazionalizzazione di tale singolare forma di aggregazione di realtà economiche improntate alla più totale ecosostenibilità è merito della Rete Internazionale dei Bio-Distretti IN.N.E.R,, promotrice di azioni di diffusione del know how e delle buone pratiche delle eco-regioni in tutto il mondo.

 Il Congresso avrà luogo nell’ambito del FISAS – Forum internazionale sui territori rilevanti per i sistemi alimentari sostenibili, un contenitore di eventi di grande rilievo sullo sviluppo sostenibile. Oltre al Congresso mondiale dei bio-distretti, ci saranno anche il Forum mondiale dell’innovazione rurale, il Seminario internazionale sul Patrimonio agricolo mondiale (GIAHS) ed il Laboratorio sulle politiche pubbliche locali per la sostenibilità alimentare. 

Obiettivo del Forum sarà la promozione dei sistemi alimentari locali basati sull’agricoltura familiare e sui metodi sostenibili di produzione. Biodiversità, saperi tradizionali dell’agricoltura e dell’alimentazione e tanti altri input saranno l’oggetto di scambi qualificati di conoscenze per il migliore degli sviluppi sostenibili.

RAFFAELE BASILE 

InfoOggi.it Il diritto di sapere