Un borgo vegano sul serio

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
UDINE, 28 GIUGNO 2019 - Può una località definirsi vegana? A soccorrere per la risoluzione del dil...

UDINE, 28 GIUGNO 2019 - Può una località definirsi vegana? A soccorrere per la risoluzione del dilemma c’è Soleschiano di Manzano in provincia di Udine. SI tratta infatti del primo borgo italiano che può fregiarsi ben motivatamente della qualifica di “vegano”.  E non parliamo solo degli aspetti gastronomici!

 La località friulana si ripropone infatti, dalla Pasqua di quest’anno, di improntare la maggior parte delle proprie attività al rispetto degli animali e dell’ecosistema. Concerti, escursioni, sagre e ovviamente tutta la ristorazione, sono dalla scorsa primavera improntati all’armonia tra Uomo e natura circostante, animali compresi.  

Nel caratteristico borgo, ad esempio, vivono vari artisti che barattano le proprie opere con animali destinati al macello. Gli allevatori interessati al baratto conducono il bestiame, dopo lo scambio “artistico”, nei campi di Soleschiano. Vacche, pecore, maiali, possono quindi godersi una inaspettata pensione invece della macellazione scampata in extremis. 

Il borgo è circondato da campi aperti, arricchiti da una ricca vegetazione e vari corsi d’acqua, il che fa di esso un habitat ideale per la convivenza pacifica tra uomo ed animaliIl progetto di base da cui si dipanano le varie iniziative, si chiama Rave Residency. La sua finalità e dichiaratamente quella di far convivere e interagire nel migliore dei modi le attività produttive ( anche con riferimento allo smaltimento sostenibile dei rifiuti)  e quelle artistiche e ricreative presenti nell’area. 

Raffaele Basile 

InfoOggi.it Il diritto di sapere