Vaccini, Veneto fa passo indietro sulla moratoria

70
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
VENEZIA, 7 SETTEMBRE - Il Veneto fa un passo indietro sul decreto di moratoria di due anni che riman...

VENEZIA, 7 SETTEMBRE - Il Veneto fa un passo indietro sul decreto di moratoria di due anni che rimandava al 2019 la presentazione della documentazione vaccinale per i bambini da 0 a 6 anni. La presentazione dei certificati, o delle autocertificazioni, è invece obbligatoria a partire da quest’anno scolastico, per l’iscrizione al nido e alla scuola dell’infanzia, secondo quanto previsto della legge Lorenzin.

Ferma invece la decisione di portare in Consiglio di Stato il quesito relativo ai tempi di applicazione per le iscrizioni dei non vaccinati. Il decreto predisponeva infatti le "indicazioni regionali in regime transitorio di applicazione della legge Lorenzin" ed era stato firmato dal direttore generale della sanità veneta Domenico Mantoan.

Le reazioni. Anche Forza Italia ieri aveva lanciato un appello a Luca Zaia: il Veneto si conformi alla legge sull’obbligatorietà dei vaccini per l’iscrizione a nidi e scuole dell’infanzia. E adesso esprime così la sua soddisfazione Brunetta: "Ci siamo impegnati molto sul provvedimento sui vaccini, sulla loro obbligatorietà e sulle coperture. Non sono possibili il 'fai da te', i dubbi e una copertura parziale. Per questo abbiamo fatto un appello al governatore Zaia per un'immediata applicazione della normativa nazionale per non generare confusione e incertezza in una delle Regioni all'avanguardia nella sanità in Italia e in Europa".

"Apprendiamo con soddisfazione la decisione del Veneto di allinearsi alla normativa nazionale", ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin appena appresa la notizia del cambio di rotta. Il governo era già al lavoro sul ricorso da presentare contro il provvedimento preso lo scorso 4 settembre. "Il buon senso, e la tutela della salute dei bambini, vince", ha scritto su Twitter il capogruppo alla Camera di Alternativa popolare, Maurizio Lupi.

 

Maria Azzarello

fonte immagine: Huffington Post

InfoOggi.it Il diritto di sapere