Abramo e Levato alla giornata della solidarietà promossa dall’istituto Mattia Preti

1666
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO 21 DICEMBRE - Si è svolto nella scuola primaria centro dell’IC Mattia Preti di Catanzar...

CATANZARO 21 DICEMBRE - Si è svolto nella scuola primaria centro dell’IC Mattia Preti di Catanzaro diretto da Angelo Gagliardi, il mercatino solidale realizzato con manufatti realizzati dagli alunni e dai genitori delle classi 3 “B” scuola primaria centro: 5 “E” scuola primaria Croci e 2 “D” scuola secondaria di primo grado. Il mercatino si inserisce nelle attività del programma europeo eTwinning “Hand to hand… discovering the handmade” di cui l’IC Mattia Preti risulta scuola fondatrice e capofila. Il progetto ha lo scopo di far conoscere in Europa l’artigianato tipico della nostra città e viene svolto in piena collaborazione e condivisione con le famiglie che ne sono parte attiva. Il ricavato sarà interamente devoluto al centro “Padre Puglisi” di Bovalino fondato e gestito da suor Carolina Iavazzo. Le finalità della struttura sono quelle di accogliere ragazzi che vivono in un contesto sociale difficile, mettendo a frutto l’insegnamento dello stesso don Pino Puglisi: “…

E se ognuno fa qualcosa allora si può fare tanto!”. All’apertura della manifestazione erano presenti il sindaco Sergio Abramo e il consigliere Luigi Levato i quali hanno voluto complimentarsi con i ragazzi e i loro familiari, ma anche con il direttore Gagliardi e il corpo insegnanti per l’iniziativa “dai forti contenuti solidali e di rispetto dei diritti di quei bambini che vivono una condizione di forte disagio sociale. Un progetto - hanno proseguito il sindaco e il consigliere - che nasce dalla necessità di creare momenti di riflessione che rendano gli studenti più consapevoli della realtà che vivono tanti loro coetanei in varie parti del mondo e che certamente li renderà futuri cittadini migliori. Devolvere il ricavato del mercatino al centro Padre Puglisi – hanno concluso Abramo e Levato - dimostra quanta sensibilità alberga nei cuori dei promotori”.

Visualizza la fotogallery

InfoOggi.it Il diritto di sapere