Alto Adige, Crosetto (Fdi): "Doppio Passaporto provocazione razzista". Vienna: "Nessun ddl"

139
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BOLZANO, 7 SETTEMBRE - "Il passaporto agli altoatesini di lingua tedesca è un atto di guerra,...

BOLZANO, 7 SETTEMBRE - "Il passaporto agli altoatesini di lingua tedesca è un atto di guerra, una provocazione inaccettabile, razzista, che invita dei cittadini italiani ed un territorio italiano ad iniziare un percorso di separazione", a dichiararlo è l'onorevole Guido Crosetto, Coordinatore nazionale di Fratelli d'Italia, commentando la possibile acquisizione del doppio passaporto per i nativi dell'Alto Adige su indirizzo del governo austriaco. Lo riporta l'Agi.

"Questa Ue di fratellanza e condivisione, dimostra la sua insussistenza ed inutilità politica ogni giorno: ogni giorno ci regala uno schiaffo nuovo. Ieri era uno schiaffo francese in Libia ed oggi è un molto più grave pugno in faccia da parte del Governo austriaco". "Non si sono mai visti atti di questo tipo nemmeno tra nazioni storicamente nemiche, ma nell'Ue del nulla - incalza Crosetto - tutto può accadere. Il sud Tirolo è italiano e chi pensa di occuparlo in nome dell'Austria, farebbe meglio a pensare di trasferirsi direttamente nei territori di quella nazione. Il sud Tirolo ha avuto finora un'autonomia che il nord austriaco si sogna, e questo è il risultato". "Sarebbe stato meglio essere meno tolleranti, iniziando dalla lingua", ha chiosato concludendo.

Le reazioni del Governo austriaco e del Fpo - partito di maggioranza -, alla fuga di notizia dei media tirolesi, non si sono fatte attendere. L'opportunità per i cittadini appartenenti ai gruppi linguistici tedesco e ladino di acquisire il passaporto austriaco, previsto nel disegno di legge sulla cittadinanza secondo quanto trapelato, è stata seccamente smentita dal portavoce della cancelleria austriaca Peter Launsky-Tieffenthal. Secondo il funzionario, "i disegni di legge saranno discussi in stretta collaborazione con il Governo italiano a Roma e con la provincia di Bolzano". D'altro tenore quanto apparso sulle colonne del Tiroler Tageszeitung, secondo cui  la possibile regolamentazione del doppio passaporto per i cittadini della provincia di Bolzano/Alto Adige sarebbe pronta. Secondo il quotidiano di Innsbruck, nel paragrafo 12 del ddl sulla cittadinanza, sarebbero state indicate le condizioni riservate per i cittadini di lingua tedesca e ladina. A partire dal Land Tirol, l'iscrizione avverrebbe nel registro elettorale del comune di Innsbruck ed i cittadini sudtirolesi con passaporto austriaco potrebbero votare in futuro sia per le elezioni europee sia per il parlamento.

Nel frattempo, il 14 settembre è atteso in Alto Adige, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz. Nell'occasione, è previsto un incontro con il governatore altoatesino Arno Kompatscher.

Cristian D'Aiello

Fonte foto: Messaggero Veneto

InfoOggi.it Il diritto di sapere