Arriva l'universitometro, la prima classifica degli atenei italiani fatta dagli studenti stessi

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 18 SETTEMBRE 2013 - Riceviamo e pubblichiamo. L'Università degli Studi Milano "...

MILANO, 18 SETTEMBRE 2013 -  Riceviamo e pubblichiamo. L'Università degli Studi Milano "Bicocca" è la più amata dagli studenti, a pari merito con gli atenei "Aldo Moro" di Bari, "Carlo Bo" di Urbino e l'università di Udine.
E' la prima classifica delle Università italiane generata "dal basso” attraverso l’Universitometro di Ustation.it, il portale dei media universitari.

L'iniziativa, che non ha velleità statistiche, è stata lanciata pochi giorni fa per dare la possibilità a ogni studente (e a ogni docente) di esprimere la propria valutazione sul proprio ateneo. Il voto espresso, da 1 a 5, determina la classifica generale che ogni utente potrà comparare a quelle ufficiali, aggiornate e riportate nell'Universitometro, realizzate da Censis-Repubblica e da Il Sole 24 Ore.
Inoltre, l'Universitometro permette di valutare gli atenei anche per ciò che riguarda la Didattica, le Strutture e la Ricerca, generando classifiche ad hoc.

Così, se al momento la classifica Generale vede l'ateneo "Bicocca" di Milano contendersi la vetta, con la media più alta, con altre tre università, per quanto riguarda la Didattica a comandare è la Ca' Foscari di Venezia, che momentaneamente è in prima posizione anche per quanto riguarda la valutazione delle Strutture. L'Università di Genova, invece, conquista il momentaneo primato per la Ricerca.

La valutazione è naturalmente in progress, perché ad ogni nuovo voto può mutare la classifica.
Si tratta di un esperimento, non certo con valore scientifico, che chiama la comunità accademica e studentesca ad esprimersi e dare la propria opinione sul sistema universitario italiano. Alla fine dell’anno accademico si chiuderà la prima classifica generata dagli utenti per il 2013-2014 e sarà riaperto il voting per l’anno accademico successivo.
 

Notizia segnalata da Michele Spalletta

InfoOggi.it Il diritto di sapere