Banche, governo approva Dlgs su bail in

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 06 NOVEMBRE 2015 - Il consiglio dei ministri ha approvato due decreti legislativi riguardanti ...

ROMA, 06 NOVEMBRE 2015 - Il consiglio dei ministri ha approvato due decreti legislativi riguardanti le modalità di risoluzione di eventuali crisi bancarie. A darne notizia il sottosegretario Claudio De Vincenti. 

I DECRETI APPROVATI

"In questo modo siamo perfettamente allineati con l'Unione europea. Nella versione definitiva si é tenuto conto delle osservazioni delle commissioni parlamentari" ha dichiarato il sottosegretario De Vincenti, che ha aggiunto "una norma che consente di chiarire la contabilità delle Regioni, un tema sollevato da Corte dei Conti, in particolare per la contabilizzazione dei debiti passati". I decreti che permetterebbero l'allineamento con l'Ue sarebbero i due, sul bail-in, approvati nell'odierna giornata dal Consiglio dei Ministri. La notizia, era stata anticipata già ieri da Reuters e oggi, mediante la conferma di De Vincenti, si è reso noto che l'approvazione, recepente in pieno le direttive Ue, nonché i pareri formulati dalle commisioni competenti di Camera e Senato, permetterà il salvataggio di Banca Carige, Banca Marche, Banca Etruria e CariChieti. In particolare, pare verrà utilizzato il Fondo di tutela dei depositi onde evitare censure della Commissione europea per eventuale violazione della disciplina contro gli aiuti di Stato. Nel complesso, il costo dell'operazione ammonterà a circa 2 miliardi di euro.

LORENZIN "NESSUNO STOP SUI VACCINI"

Il ministro alla Sanità, Beatrice Lorenzin, dopo il Consiglio dei Ministri, ha dichiarato "la vaccinazione rimane lo strumento primario di salute pubblica. Bisogna sgombrare il campo da paure e rischi che non ci sono. Fidiamoci dell'evidenza scientifica". Il ministro ha, inoltre, specificato "non c'è nessun piano in atto per bloccare l'accesso ai bambini non vaccinati a scuola e una misura di questo genere dovrebbe passare per il Parlamento".

DE VINCENTI: "PAY - BACK" PER SPESA FARMACEUTICA

Sempre in Cdm, ha specificato De Vincenti, è stata varata "una norma specifica che riguarda il cosiddetto pay-back per la spesa farmaceutica, una norma che consente la continuità dei servizi sanitari anche se una struttura sanitaria debba essere collocata in amministrazione sanitaria".

Fonte foto: leccenews24.it

Ilary Tiralongo

InfoOggi.it Il diritto di sapere