Calcio: il punto sul campionato per le squadre venete

28
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
VENEZIA, 25 MARZO 2013 - Il Padova è ufficialmente in crisi. Quarto ko consecutivo all'Eugane...

VENEZIA, 25 MARZO 2013 - Il Padova è ufficialmente in crisi. Quarto ko consecutivo all'Euganeo contro il Modena con sospetto fallo di mano di Ardemagni a rendere ancora più atroce la beffa confezionata a cinque minuti dalla fine da Mazzarani conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, che i problemi della squadra non albergavano soltanto in panchina. Infatti il cambio della guardia fra Franco Colomba e Fulvio Pea, infatti, per ora non ha portato lo scossone sperato. L'attacco non segna più, zero gol nelle ultime quattro partite, gli infortuni proseguono senza sosta (l'ultimo di una lunghissima serie è stato Matias Cuffa) e la squadra incassa il terzo 1-0 casalingo consecutivo. La rete di Mazzarani fa esplodere la contestazione degli ultras contro Luca Baraldi, considerato il responsabile dell'attuale momento della squadra, scivolata fuori dalla zona playoff: «Ma lui sta facendo il suo lavoro - lo difende il presidente Marcello Cestaro - e noi abbiamo ancora fiducia in lui. Spero che la gente capisca il suo ruolo».

L’Hellas Verona ribalta il Crotone e continua a correre verso la A. Vince in rimonta, il Verona, e riprende la partita quando sembrava essere scappata via. I gialloblù vanno sotto per 2-0, puniti dai gol di Eramo, nel primo tempo, e di De Giorgio (perla a girare al 57’). Ma il Crotone si spegne e la qualità dell’Hellas emerge di prepotenza. Nel giro di 8’, dal 59’ al 67’, il Verona segna per tre volte: doppietta per Cacia, rete del sorpasso di Sgrigna. Finisce 3-2, la classifica continua a sorridere alla squadra di Mandorlini, seconda alla pari con il Livorno, con 63 punti, ma davanti per il saldo favorevole negli scontri diretti.

Non va troppo meglio neppure alle altre due venete, che annaspano nei bassifondi della classifica. Il Vicenza pareggia in casa col Varese e vede la salvezza sempre più lontana. L'1-1 del Menti matura con un beffardo tap-in di Pucino al 90', che pareggia il sigillo di Malonga: «Evidentemente - spiega sconsolato Alessandro Dal Canto nel dopo-gara - se succedono certe cose non è sfortuna, ma è colpa nostra. Non dobbiamo mollare, nonostante la situazione sia oggettivamente difficile».

Il Cittadella acciuffa il pari a Brescia al 93' con una doppietta di Totò Di Nardo, ma continua a non vincere e il vantaggio sulla zona playout si è ormai ridotto all'osso. Vantaggio lombardo con autorete di Gasparetto, poi doppio flash dell'attaccante campano intervallato dal 2-1 firmato Picci. La partita finisce 2-2.

In Lega Pro sprofonda il Treviso, a cui non serve neppure il nuovo cambio in panchina e che incassa un bruciante sconfitta al Tenni per 2-1 contro il Carpi: Di Gaudio e Melara rendono inutile la rete di Stendardo e mandano Bosi all'inferno. Sconfitto anche il Portogruaro con identico punteggio a Chiavari. La Virtus Entella vince 2-1, fatale il rigore fallito da Corazza e inutile la rete di Altinier. In seconda divisione, infine, spettacolare pareggio al Penzo nel derby fra Venezia e Bassano: finisce 2-2, alla doppietta di Longobardi rispondono Maracchi e Lauria. Contestazione finale per un gol annullato a Godeas al 92' con motivazione ignota. I primi due posti si allontanano, per i playoff, invece, ci siamo quasi. 

(fonte: corrieredelveneto) 
 

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere