• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Calimero festeggia 50 anni - "E' un' ingiustizia però!"

Lombardia

MILANO, 12 DICEMBRE 2013 – Cinquant’anni fa nasceva il pulcino piccolo e nero simbolo dell’ingiustizia del mondo, con il debutto in televisione del 14 luglio 1963 e la frase-slogan: « È un’ingiustizia però!».

Una mostra a Milano, la sua città natale, ripercorre le tappe di una carriera degna una celebrità internazionale: “E' un’ingiustizia però!” - 1963-2013, al Palazzo della Permanente (via Turati, 34), dal 13 dicembre al 9 marzo 2014.
Dalla pubblicità per detersivi della Mira Lanza («Ava, come lava»), il personaggio creato dai fratelli Nino e Toni Pagot insieme a Ignazio Colnaghi (che gli ha dato la caratteristica voce), ne ha fatta di strada pur non essendo cresciuto in altezza e continuando a essere sporco di fuliggine. Nel tempo, è stato anche accusato di non essere politically correct, prigioniero politico e sovversivo argentino; è sconfinato nella patologia, associando il suo nome a un certo tipo di vittimismo; popolarissimo però anche fuori dal Bel Paese, dalla Francia al Giappone (dove la sua immagine è impressa addirittura sulle carte di credito), è diventato una multinazionale.[MORE]

Per celebrare il suo genetliaco, disegni e tavole originali, storyboard, gadget, cartoni animati, video, provenienti dall’archivio Pagot sono i protagonisti dell’esposizione, suddivisa in 9 sezioni, curata da Dario Cimorelli e Marco Pagot. In proiezione, oltre 6 ore di cartoni animati, dai primi Caroselli in bianco e nero alle storie con l’amata Priscilla. A tale proposito, Rai 2 e Rai Yo Yo, in dicembre trasmetteranno le nuove avventure del pulcino, in 3D, oltre 100 episodi da circa 11 minuti ciascuno.
L’allestimento è arricchito da un’area didattica per bambini e dall’esposizione di grandi gusci in resina, realizzati per l’occasione e personalizzati da artisti, intellettuali e personaggi famosi, che andranno all’asta al termine della mostra per finanziare col ricavato il progetto “Diritti in campo” promosso dall’Organizzazione Save the Children.

L’evento, patrocinato dal Comune di Milano e promosso dalla Team Entertainment, è sponsorizzato da Reckitt Benckiser, proprietario del marchio Ava.


«Quando un personaggio genera un nome comune ha infranto la barriera
dell’immortalità ed è entrato nel mito: si è un calimero come si è un dongiovanni,
un casanova,un donchisciotte, una cenerentola, un giuda
».
(Cit. Umberto Eco)

(Immagini: Courtesy Palazzo della Permanente di Milano, il logo della mostra in evidenza; seguono alcune illustrazioni)

Domenico Carelli