Controesodo: oggi sabato da bollino rosso, traffico intenso

1287
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 31 AGOSTO - Sabato da bollino rosso sulle strade principali italiane. Viabilità Italia della ...

ROMA, 31 AGOSTO - Sabato da bollino rosso sulle strade principali italiane. Viabilità Italia della Polizia di Stato è riunita per monitorare il flusso veicolare e per garantire tempestive gestioni di eventuali situazioni di grave criticità del traffico.  Come da previsione, si registrano flussi di traffico intenso in rientro verso le grandi città del nord già dalle prime ore di questa mattina, con rallentamenti sull'A1 e code a tratti sulla A22. E' in vigore dalle ore 8 fino alle ore 16 il divieto di circolazione dei mezzi pesanti. Saranno in circolazione solo i veicoli commerciali debitamente autorizzati nonché quelli che fruiscono di particolari deroghe circa l'inizio o il termine del divieto. Queste le attuali situazioni più critiche: A22: code di 2 km tra Vipiteno e Brennero causa traffico intenso; code di 4 km tra Carpi e allacciamento A1 causa traffico intenso; A23 - 4 km di coda causa traffico intenso tra Udine Sud e interconnessione A4, uscita consigliata Udine Sud A14: in direzione sud tra Bologna e Fiera e Imola code a tratti a causa di traffico intenso; code a tratti tra Valle del Rubicone e Forlì.

I 140 km tra Bologna e Cattolica sono percorsi in 100 minuti. Al Traforo del Monte Bianco direzione Italia, coda in corrispondenza del piazzale francese verso l'Italia con tempi di attesa di circa 15 minuti. Sul fronte meteo, l'ultimo fine settimana di agosto sarà caratterizzato prevalentemente da condizioni di instabilità e maltempo. Nella giornata di oggi si registreranno condizioni di maltempo sulla Sardegna ed instabilità pomeridiana a carattere sparso su tutta la Penisola, con precipitazioni prevalentemente di tipo temporalesco, con fenomeni anche sparsi sui rilievi, a carattere isolato sulle zone di pianura. Venti deboli o al più localmente moderati di direzione variabile, a regime di brezza lungo le coste. 

Domani, domenica 1 settembre, il maltempo insisterà sulle due isole maggiori e su gran parte delle regioni peninsulari del versante tirrenico. Tempo più stabile sulle zone adriatiche con ventilazione in intensificazione dalla sera da Nord sulla Sardegna. Temperature ancora senza variazioni di rilievo. Viabilità Italia consiglia di evitare qualsiasi distrazione alla guida; mantenere sempre idonea distanza di sicurezza dal veicolo che precede; moderare la velocità; allacciare le cinture di sicurezza anche nei sedili posteriori e assicurare i bambini con seggiolini ed adattatori. È vietato utilizzare i cellulari durante la guida senza vivavoce o auricolari. Fare soste frequenti, almeno ogni due ore di guida ininterrotta.

Alcol e droghe sono incompatibili con la guida. Infine, per coloro che sono diretti verso le località balneari della Croazia: è necessario portare al seguito i documenti validi per l'espatrio (anche dei minori); per circolare in Slovenia lungo le autostrade e le strade extraurbane principali tutti i veicoli (auto e motoveicoli), con peso complessivo non superiore a 3,5 t, devono obbligatoriamente essere provvisti di un contrassegno prepagato (cosiddetta vignetta) da apporre sul veicolo. In prossimità del confine italo-sloveno si potrebbero creare lunghe code di turisti diretti agli esercizi pubblici dove è possibile il loro reperimento. Sarebbe quindi utile che le vignette venissero acquistate con anticipo nei diversi punti vendita dislocati nelle aree di servizio ubicate lungo la rete autostradale che conduce a Trieste. 

E' fortemente sconsigliato attendere di arrivare all'ultima area di servizio in territorio italiano (Duino Sud) per acquistare il contrassegno, dove si rischia di contribuire ad un sovraffollamento con conseguenti gravi rischi per la sicurezza. In alternativa al tracciato autostradale, è possibile raggiungere le località della costa croata percorrendo la strada E61/7 slovena senza, pertanto, dover pagare la 'vignetta'.

InfoOggi.it Il diritto di sapere