• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Denise Pipitone: aperta inchiesta per omicidio

Sicilia

TRAPANI, 06 DICEMBRE 2014 - La scomparsa di Denise Pipitone, avvenuta il primo giorno di Settembre dell'anno 2004, potrebbe essere giunto ad una svolta investigativa. L'intercettazione ambientale datata 11 Ottobre 2004, portata alla luce negli ultimi giorni, aggraverebbe la posizione di Anna Corona, madre della sorellastra della bambina, Jessica Pulizzi.

Marsala (Trapani): aperta inchiesta per l'omicidio di Denise Pipitone

Ascoltando l' intercettazione ambientale dell'Ottobre 2004, gli inquirenti hanno individuato un dialogo tra Jessica Pulizzi e la sorella Alice Pulizzi, mentre le due si trovavano presso l'abitazione della loro madre, Anna Corona. «Quanno eramu 'ncasa, a mamma l'ha uccisa a Denise (Quando eravamo in casa, la mamma l'ha uccisa Denise, n.d.r)», avrebbe affermato Jessica. Alice avrebbe dunque chiesto: «'A mamma l'ha uccisa a Denise?», quindi Jessica risponderebbe: «Tu di sti cosi unn'ha parlari (Tu di queste cose non ne devi parlare, n.d.r.)». Infine, vi sarebbe un'ultima frase di Alice, a concludere il discorso: «E' logico».[MORE]

Alla luce di quanto è emerso, dunque. la Procura di Marsala ha aperto un fascicolo d'indagine nel quale viene ipotizzato l'omicidio a carico di ignoti. Il procuratore Alberto Di Pisa ha spiegato: «Ho chiesto alla Corte d'Appello di Palermo il file della registrazione, dopo che tre giorni fa ci era stata trasmessa la trascrizione della stessa».

La difesa di Jessica Pulizzi ha indicato che il discorso è stato estrapolato dal contesto, pertanto, secondo i legali della sorellastra di Denise Pipitone, una frase che cambierebbe il senso di quanto emerso, non si sarebbe sentita durante l'intercettazione ambientale, la quale è stata analizzata e trascritta dal perito Massimo Mendolìa.

Giacomo Frazzitta, avvocato di Piera Maggio, madre della bambina scomparsa e parte civile, ha invece sottolineato: «La frase che avrebbe pronunciato Jessica è molto inquietante». Tali parole sono state trascritte solamente ora poichè la perizia risultava essere particolarmente complessa da eseguire. Sembra, infatti, che le parole pronunciate da Jessica Pulizzi siano sussurrate, pertanto è stato necessario effettuare operazioni di pulitura e filtraggio dei nastri registrati.

Il legale della parte civile ha aggiunto, tramite la sua pagina di Facebook: «La stampa: Anna Corona, assieme ad altri, era stata indagata per concorso in sequestro, ma poi il procedimento fu archiviato. Se la notizia relativa all’apertura dell’inchiesta è vera, il fatto che venga divulgata mette sull’avviso gli interessati».

Alessia Malachiti