Guerrina Piscaglia, sms a Padre: "Sono incinta di tuo figlio"

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
AREZZO, 08 GENNAIO 2014 - Proseguono le indagini sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia, avvenuta in ...

AREZZO, 08 GENNAIO 2014 - Proseguono le indagini sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia, avvenuta in data 1 Maggio 2014. Della donna si sono perse le tracce a Ca' Raffaello, una frazione del comune di Badia Tedalda, in provincia di Arezzo. 

Il principale indagato è un prete congolese, Padre Graziano (Gratien Alabi), con il quale Guerrina Piscaglia aveva instaurato un rapporto anomalo. Di recente, sono spuntati nuovi messaggi di testo scambiati tra la donna ed il religioso, uno su tutti insospettisce gli inquirenti. Guerrina Piscaglia, sposata e con un figlio disabile, avrebbe scritto a Padre G.: "Sono incinta, sei padre". 

Scomparsa di Guerrina Piscaglia: sosteneva di essere incinta di Padre G.

Il prete, durante un interrogatorio, avvenuto prima che si appellasse alla facoltà di non rispondere, avrebbe dichiarato di non aver avuto alcun rapporto sessuale con la donna, aggiungendo di essersi detto disponibile ad effettuare il test del dna quando Guerrina Piscaglia sosteneva di portare in grembo suo figlio. E' anche emerso che Padre G. avrebbe invitato la donna a recarsi presso l'ospedale Silvestrini di Perugia affinchè si potesse decretare se era effettivamente incinta.

Il marito della donna ha spiegato ai microfoni del programma "Chi l'ha visto?" che non era a conoscenza di quanto emerso. Avrebbe inoltre specificato che il viaggio a Perugia, che non è poi avvenuto, sarebbe stato indicato da Padre G. come un colloquio di lavoro rimediato a Guerrina Piscaglia. 

Ad aggravare la situazione del religioso congolese vi sarebbero inoltre degli altri sms, inviati dalla donna il giorno della scomparsa. Quest'ultima avrebbe chiesto a Padre G. di poterlo raggiungere in canonica -presumibilmente- per preparagli del coniglio. La risposta del prete, secondo quanto indicato dai media, fu: "Un' altra donna ha preparato il coniglio. Vieni, la porta è aperta".

Il giorno della scomparsa di Guerrina Piscaglia, dunque, sembra plausibile che ella si stesse recando proprio verso la canonica della chiesa di Ca Raffaello.

(Foto da ilrestodelcarlino.it)

Alessia Malachiti

InfoOggi.it Il diritto di sapere