• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

La tragedia di Cusano Matri. Fuoco divora la casa coloniale dei Tammaro

Campania

BENEVENTO, 19 DICEMBRE - Una tragedia immane a soli sette giorni dal Santo Natale. Una madre e i suoi 4 figli, tra cui due gemellini di soli 3 anni sono morti in un incendio divampato questa notte in un casolare di Cusano Mutri (Benevento). Le fiamme sarebbero state prodotte da un camino acceso per combattere l'ondata di freddo che sta investendo il Sannio.[MORE]

Genoveffa Vitelli, 44 anni, e i figli Simone (26), Giovanni (24), e i gemellini Antonio e Carlo Tammaro (3 anni) sono deceduti nel rogo che ha devastato l'abitazione.

Vigili del fuoco e carabinieri sono ancora sul posto per i rilievi scientifici necessari al Pm Giovanni Tartaglia Porcini, che ha aperto un fascicolo sull'accaduto. Ma, secondo la prima ricostruzione effettuata dai pompieri, all'origine della tragedia una scintilla partita dal camino di casa, lasciato acceso per il freddo, avrebbe provocato un primo principio di incendio che si e' propagato fino alla bombola del gas, causando anche una violenta esplosione.

Il marito della donna, Rocco Tammaro, 51 anni, si e' salvato gettandosi da una finestra, ed e' riuscito anche a portare via dalla casa colonica il padre Simone, 85 anni, grazie all'aiuto dei cugini che abitano a pochi passi dall'abitazione incendiata

Purtroppo per gli altri 4 componenti della famiglia non c'e' stato nulla da fare, anche se dicono i Vigili del Fuoco di Telese Terme che sono interventi ed hanno domato le fiamme, le posizioni dei corpi indica che erano usciti dai rispettivi letti e avevano tentato di mettersi in salvo, finendo probabilmente intossicati dalle esalazioni di monossido di carbonio sprigionate dal rogo.

Le salme sono a disposizione dell'autorita' giudiziaria all'ospedale di Benevento Rummo, dove stanno arrivando tutti i parenti della famiglia.

I coniugi Tammaro erano agricoltori e allevatori, con una loro piccola azienda; i figli piu' grandi, Simone e Giovanni, lavoravano per una azienda del settore rifiuti.