Maturità 2014, al via la prima prova scritta: tra le tracce Quasimodo, Renzo Piano e L'Europa

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 18 GIUGNO 2014 - E' arrivato anche quest'anno il momento che milioni di studenti attendo...

ROMA, 18 GIUGNO 2014 -  E' arrivato anche quest'anno il momento che milioni di studenti attendono e temono: gli esami di maturità. Stamattina più di dodicimila commissioni saranno impegnate nelle operazioni che vedono gli studenti italiani alle prese con la prima prova scritta di italiano. Già da qualche settimana la Polizia Postale e delle Comunicazioni, in stretta collaborazione con il Miur, aveva attivato misure di controllo affinchè non venissero diffuse in rete false tracce che potessero depistare gli studenti.

Solo stamattina, in diretta televisiva al Tg1, il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini ha letto il codice d'accesso utile a "decriptare" le tracce della prova. In questo modo le commissioni, che già erano in possesso di un altro codice, hanno potuto ottenere i temi della prima prova scritta.

Le tracce della prima prova scritta

Le indiscrezioni sono dapprima arrivate a Twitter, poi a SkyTg24 e diffuse, infine, in molte reti televisive. L'analisi del testo vede, quest'anno, protagonista il poeta siciliano Salvatore Quasimodo, con la poesia “Ride la ragazza nera sugli aranci” . Per il tema storico, invece, è stata proposta una riflessione su "Europa 1914-2014", con l'intento di chiedere allo studente di concentrarsi su un secolo di cambiamenti vissuti dalla prima guerra mondiale ad oggi.

L'elaborato di attualità si fonda su una frase dell'architetto Renzo Piano “Siamo un Paese straordinario ma fragile”., tratta da "Il rammendo delle periferie". Per il saggio breve artistico, invece, il titolo scelto è "Il dono" nell'arte, mentre il saggio breve in ambito scientifico chiede di riflettere su violenza e non violenza nel ’900, Tecnologie pervasive e nuove responsabilità.  

Domani si andrà alla prova specifica per ogni indirizzo.

(Foto dal sito skuola.net)

Katia Portovenero

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere