Meteo: Rischio alluvione scuole chiuse in Liguria, previsioni su Nord, Centro, Sud e Isole

88
Scarica in PDF
Tra Mercoledì 10 sera e la giornata di Giovedì 11 Ottobre una perturbazione atlantica si avviciner...

Tra Mercoledì 10 sera e la giornata di Giovedì 11 Ottobre una perturbazione atlantica si avvicinerà all’Italia da ovest, ma verrà terribilmente frenata nel suo moto verso levante da un robusto campo di alta pressione presente suI Balcani che fungerà pertanto da muro, da blocco: in questo modo la perturbazione si attarderà per molte ore sulle nostre regioni nord-occidentali in particolare sul Piemonte e sulla Liguria nonché sulla Sardegna.

Contemporaneamente si intensificherà un forte flusso meridionale di aria calda sospinta dai venti di scirocco che grazie all’evaporazione dal mare raccoglierà grandi quantità di acqua e giungerà pertanto stracolma di umidità sulla Liguria e sul Piemonte scaricandosi a ridosso dei rilievi sottoforma di pioggia incessante. Complici peraltro le alte temperature, tutta la precipitazione sarà sottoforma di pioggia senza alcun accumulo nevoso neppure a quote elevate e pertanto i corsi d’acqua, spesso brevi ed a carattere torrentizio, si gonfieranno rapidamente e non poco, innescando un grave pericolo idrogeologico proprio in Liguria in particolare tra le province di Savona ed Imperia e poi Genova entro Giovedì dove addirittura prevediamo precipitazioni eccezionali.

Sulla base di tutte queste premesse è ovvio ipotizzare che su alcune zone del Piemonte tra le province di Cuneo, Asti, Alessandria, e in Liguria tra Savona e Imperia fino a a Genova possa sussistere un grave rischio alluvionale come già accaduto in passato ed è per questo motivo che l’attenzione su queste zone deve essere elevatissima.

Le correnti umide meridionali porteranno delle piogge anche in altre regioni come sulla Sardegna soprattutto sulla parte meridionale ed orientale e pure sulle regioni tirreniche segnatamente la Toscana, mentre su tutto il resto dell’Italia l’aria calda proveniente dai quadranti meridionali non potrà che far innalzare la colonnina di mercurio sino a valori quasi da record con 30°C in Sicilia e 28°C a Roma come pure sul resto del centro Nord.

Nel corso dei prossimi giorni ci troveremo dunque a fare i conti con due facce di una medaglia anomala ovvero da un lato precipitazioni a carattere eccezionale e pure pericolose e dall’altro un’ondata di caldo di rara portata.
Notizia segnalata da (iLMeteo)

InfoOggi.it Il diritto di sapere