Ora di religione: nelle classi sempre meno iscritti

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 24 FEBBRAIO 2012 – Secondo un'indagine della Cei sarebbero ormai più del 10%, per...

ROMA, 24 FEBBRAIO 2012 – Secondo un'indagine della Cei sarebbero ormai più del 10%, per un totale di circa 800.000 unità, gli studenti che non seguono l'ore di religione cattolica, concentrati prevalentemente nelle scuole superiori di nord e centro Italia, dove si raggiungono anche picchi del 27%. Non è la prima volta in dieci anni (la rilevazione era iniziata per l'anno scolastico 1993/1994) che la percentuale degli adpeti dell'ora alternativa valica la decina, già l'anno scolastico 2009/2010 aveva fatto registrare il picco del 16,5% per quanto riguardava gli istituti superiori, in particolare nei licei artistici col 21%. 

Dal 2009/2010 al 2010/2011 si è dunque registrata un inversione di tendenza generale che, come fa notare Repubblica, potrebbe essere in parte dovuta anche alla presenza crescente di ragazzi di religione diversa dovuta a un diverso background culturale. Tendenza sempre e comunque più contenuta al sud, dove la diserzione dell'insegnamento della religione cattolica si aggira intorno al 2,4%.

Tra gli altri risultati della ricerca anche l'evidente crescita del numero degli specialisti di religione, ovvero di coloro che insegnano esclusivamente questa materia, che rappresentano l'88% del corpo docente dedito all'IRC. Solo negli ultimi 12 mesi si sono aggiunti un centinaio di docenti, per un incremento di due punti percentuali sul totale.

Cecilia Andrea Bacci

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere