Plastic Factory - Plastiche Visioni

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
VERBANIA, 16 APRILE 2013 – Due diversi spazi espositivi, il Forum di Omegna (VB) e il Mu...

 VERBANIA, 16 APRILE 2013 – Due diversi spazi espositivi, il Forum di Omegna (VB) e il Museo Tornielli di Ameno (NO), per una mostra che sconfina nel design, “Plastic Factory” (fino al prossimo 2 giugno 2013), realizzata in collaborazione con la Nuova Faro di Omegna.

 Il progetto, curato da Asilo Bianco, offre numerosi spunti di riflessione sul potenziale di un medium sorprendentemente versatile e innovativo, la plastica, la cui parabola ascendente risale agli anni del dopoguerra, quando si cominciò a utilizzare per plasmare oggetti di uso quotidiano, funzionali e colorati, interpretazioni contemporanee del concetto di lusso democratico.

 Oltre 50 pezzi in mostra, legati al mondo industriale, artistico e del design, suggeriscono l’idea di contaminazione tra diverse creatività, ripercorrendone le tappe storiche della ricerca dagli esordi fino agli anni Novanta, passando per le Avanguardie e la cultura pop.

 Dagli archivi di aziende che hanno alimentato il mito del design, escono pezzi cult, come “Universale” 4867 (la prima sedia al mondo ad essere stampata a iniezione in ABS, progettata da Joe Colombo nel 1967) di Kartell, il geniale “Moscardino” di Pandora Design (vincitore del Compasso d’Oro nel 2001) e altri oggetti-icona realizzati per Alessi da Stefano Giovannoni e Guido Venturini.

 A rinforzare il già ricco allestimento, le meduse in plastica di Enrica Borghi, le poltrone iperboliche e i lampadari in silicone di Alessandro Ciffo, i cubi in plexiglas di Francesco Candeloro, insieme alle opere di artisti di calibro internazionale, come le installazioni di Cracking Art e le collezioni di scarpe della ginevrina Sylvie Fleury.

 

(Immagine: le iperpoltrone di Andrea Ciffo, da Internimagazine)

Domenico Carelli


 

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere