• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Provincia Perugia, calo dell'occupazione

Umbria

PERUGIA, 9 NOVEMBRE 2011 – In calo per il terzo anno consecutivo l’occupazione nelle imprese della provincia di Perugia. La notizia arriva dal sistema informativo Excelsior che, dai dati della propria rilevazione resa nota oggi alla Camera di commercio, è in grado di fornire i numeri precisi in riferimento alla crisi del lavoro che stà investendo la regione.[MORE]

 I posti di lavoro persi nel 2011, secondo quanto esposto oggi, saranno circa 2.200, con 8.600 assunzioni previste a fronte delle 10.800 uscite dal mercato del lavoro previste per lo stesso anno. Dai dati presentati oggi emerge come siano, tra l’altro, in calo soprattutto le assunzioni di giovani sotto i 30 anni e sorprendentemente viene messo in evidenza un dato nel settore dell’edilizia che riguarda esclusivamente le donne evidenziando come, proprio in quel settore, l’11% delle assunzioni è andato al sesso femminile, mentre negli scorsi anni lo stesso dato non veniva nemmeno segnalato.

Vero è che la crisi non investe solamente la nostra regione ma più globalmente ne è colpito tutto il paese, altresì vero è che la relazione presentata oggi dall’ Excelsior è piuttosto preoccupante e descrive uno scenario inquietante. Preoccupano molto i posti di lavoro persi complessivamente nel corso degli ultimi tre anni nella provincia di Perugia con la crisi di molte imprese, soprattutto le piccole imprese fino a 10 dipendenti che rappresentano la fascia più consistente della base imprenditoriale della provincia. Preoccupa maggiormente il calo delle assunzioni e il dato di fatto che il mercato del lavoro sia davvero entrato in una fase di stagnazione dalla quale sembra difficile poter uscire. Molti sono i giovani in cerca di una prima occupazione con cui poter cominciare a costruire un futuro che si trovano, di fatto, a scontrarsi con una realtà in cui per loro ancora non c’è spazio.

Daniela Dragoni