Roberta Ragusa a Cannes? La strana testimonianza di uno chef italiano

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
PISA, 19 NOVEMBRE 2013 - Che Roberta Ragusa sia fuggita dalla sua abitazione di Gello di San Giulian...

PISA, 19 NOVEMBRE 2013 - Che Roberta Ragusa sia fuggita dalla sua abitazione di Gello di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, risulta improbabile. Almeno secondo gli inquirenti, i quali continuano ad indagare per omicidio ed occultamento di cadavere.

L'unico indiziato è Antonio Logli, marito della donna, sebbene, contro di lui, la Procura di Pisa abbia in mano molti indizi e nessuna prova. Per questa ragione, se non giungerà una svolta nelle indagini, a Febbraio l'inchiesta verrà chiusa, salvo la concessione di eventuali proroghe.

Dopo la testimonianza di Loris Gozi, registrata con un incidente probatorio, è arrivata quella di un pompiere locale, il quale sostiene di aver visto una donna uscire, in vestaglia, dall'abitazione dei Logli, proprio la sera della scomparsa di Roberta Ragusa. Grazie alle convincenti tesi presentate dall'avvocato delle parti civili, l'opinione pubblica ritiene possibile che il pompiere di San Giuliano Terme possa aver assistito ad "una parte dell'avvenimento", che potrebbe andare ad "incastrarsi" con la testimonianza di Loris Gozi.

Assodato che l'ultima testimonianza non scagiona in alcun modo l'indagato, è spuntata un'ultima dichiarazione, proveniente da Cannes, cittadina della Costa Azzurra. Uno chef italiano ha infatti affermato di aver incontrato Roberta Ragusa nel Maggio 2012. L'uomo, inoltre, sostiene di aver parlato con la donna.

Leggendo i commenti di coloro che seguono il caso, sui vari gruppi di Facebook dedicati a Roberta Ragusa, emerge che la maggior parte dei cittadini che continuano a chiedere verità per la donna, ritengono la testimonianza dello chef "strana".

Giunta ad oltre un anno e mezzo di distanza dalla notte tra il 13 ed il 14 Gennaio 2013, la dichiarazione dell'italiano rafforzerebbe la tesi della famiglia Logli, la quale sostiene che Roberta Ragusa si sia allontanata volontariamente dalla propria abitazione.

L'estremo ritardo della testimonianza fa sì che venga esaminata nel dettaglio: sebbene l'uomo affermi di essere sicuro di aver parlato con Roberta Ragusa a Cannes, gli inquirenti dovranno valutare l'attendibilità delle dichiarazioni. Inoltre, la convinzione dello chef, non costituisce alcuna prova certa, considerando che, a distanza di tempo, i ricordi potrebbero essere alterati.

Non risulta possibile, oltretutto, rintracciare la donna in Costa Azzurra, essendo passato oltre un anno dall'incontro. La testimonianza dello chef italiano è comunque già stata ascoltata dagli inquirenti e dagli avvocati di Antonio Logli e delle parti civili.

(Immagine da unionesarda.it)

Alessia Malachiti

InfoOggi.it Il diritto di sapere