Rogo nel Nuorese: sindaco, fiamme quasi domate ma forte vento

1005
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
NUORO, 29 LUGLIO - "L'incendio ha raggiunto la frazione di Murta Artas, dove risiedono ci...

NUORO, 29 LUGLIO -  "L'incendio ha raggiunto la frazione di Murta Artas, dove risiedono circa quindici famiglie. Le case sono state evacuate appena in tempo, perché credo che le abitazioni siano state invase dal fuoco". Lo dice all'ANSA il sindaco di Siniscola, Gianluigi Farris, che sta seguendo da vicino l'evolversi del rogo che ha lambito la statale 131 dcn tra Nuoro e Olbia, che è tuttora bloccata.  "Un distributore di carburante è stato raggiunto dalle fiamme che sono molto alte, ma per fortuna l'avanzata del rogo è stata bloccata dagli uomini della macchina antincendi - ha aggiunto il primo cittadino del centro costiero del Nuorese - sono molto preoccupato perché il fronte di fuoco continua ad avanzare e potrebbe arrivare anche verso la costa".

Aggiornamento  "Attenzione. S.S. 131 dcn altezza Siniscola. Strada chiusa per incendio sino allo svincolo per Lula. Possibili auto in contromano in fuga dal fuoco". Lo scrive la Croce Rossa Italiana di Nuoro sulla sua pagina Facebook in merito al rogo che si è sviluppato accanto alla statale nel tratto che collega Nuoro a Olbia. 

Aggiornamento 
L'imponente dispiegamento di uomini e mezzi della protezione civile regionale - Corpo Forestale, Forestas e volontari - oltre ai vigili del fuoco sembra stiano riuscendo ad avere la meglio sulle fiamme divampante nel territorio di Siniscola e che hanno lambito la statale 131 dcn, tra Nuoro e Olbia, costringendo le forze dell'ordine - in particolare la Polizia Stradale - a bloccare l'arteria viaria e deviare il traffico sulla viabilità secondaria. "Il vento soffia ancora molto forte e non si può mai dire in questi casi - dice all'ANSA il sindaco di Siniscola Gianluigi Farris - le fiamme hanno raggiunto la zona industriale ma sembra che siano riusciti a fermarlo prima dell'agglomerato produttivo. Speriamo che si  riesca a spegnerle in breve tempo".

InfoOggi.it Il diritto di sapere