Tar, ministeri informeranno la popolazione sui rischi dei cellulari

356
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 16 GENNAIO - Il Tar del Lazio, tramite il parziale accoglimento di un ricorso proposto dall'As...

ROMA, 16 GENNAIO - Il Tar del Lazio, tramite il parziale accoglimento di un ricorso proposto dall'Associazione per la Prevenzione e la Lotta all'Elettrosmog, ha deciso che i ministeri dell'Ambiente, della Salute e dell'Istruzione, entro sei mesi dovranno adottare una campagna informativa sulle corrette modalità d'uso di telefonini e cordless, oltre che sui rischi per la salute e per l'ambiente causati da un loro uso improprio.

L'associazione si era già rivolta ai giudici amministrativi nel 2017 per contestare l'inerzia dei ministeri in seguito ad un atto di diffida - finalizzato a promuovere l'adozione di provvedimenti per informare dettagliatamente la popolazione - e per obbligare i ministeri a emanare il decreto del febbraio 2001 contenente la "Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici".  

Già il Ministero della Salute nel 2012 aveva evidenziato il tema dei rischi per la salute causati dall'uso del cellulare: il ministero aveva inoltre evidenziando che il Consiglio Superiore di Sanità in un parere del 2011, non aveva rilevato alcun nesso di causalità tra esposizione a radiofrequenze e patologie tumorali, ma non l’aveva del tutto escluso se relazionato a un uso molto intenso del telefono cellulare, raccomandando di mantenere vivo l'interesse sul tema.

Federico Ferro

fonte immagine liberatv.ch

InfoOggi.it Il diritto di sapere