Timballo di maccheroni e zucchine

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
Ho pensato di presentare una ricetta con ingredienti reperibili nei nostri frigoriferi, aggiungendo ...

Ho pensato di presentare una ricetta con ingredienti reperibili nei nostri frigoriferi, aggiungendo però una maggiore fantasia e ricercatezza per imbandire una tavola più allegra.

  Ingredienti:  350 g di pasta corta (maccheroni)

                        600 g di zucchine

                        1 cipolla piccola

                        1 ciuffo di prezzemolo

                        1 ciuffo di basilico

                        150g di fontina (o mozzarella)

                        20 g di burro

                        olio extravergine d'oliva q.b.

                        sale e pepe

                        Per la besciamella

                        80 g di burro

                        60 g di farina

                        200 g di latte

                        sale

 

Procedimento: Tagliate le zuccine a rondelle e tritate finimente la cipolla. In un tegame con una noce di burro fate rosolare la cipolla, unitevi le zucchine e 2 cucchiai di acqua, salate pepate e fate cuocere per 15 minuti.

Nel frattempo preparate  un trito di prezzemolo e basilico, che unirete alle zucchine a fine cottura.

 Preparate la besciamella: in un pentolino con fondo pesante, fate sciogliere il burro, versate la farina tutta in una volta, mescolate accuratamente e aggiungete il latte precedentemente intiepidito, versandolo poco alla volta e continuando a girare con un mestolino di legno. Salate e fate cuocere per una decina di minuti.

 In una pentola con abbondante  acqua salata fate cuocere la pasta al dente. Scolatela, conditela con le zucchine preparate e con un filo di olio d'oliva.

 Ungete con il burro rimasto una pirofila e ponetevi, alternandoli a strati, la pasta, il formafggio tagliato a cubettini e la besciamella.

Mettete in forno riscaldato a 200°C per 15-18 minuti. Servite il timballo caldo.

InfoOggi.it Il diritto di sapere